testata perbenista
  • IL SINDACO DI SAN DANIELE SI SPOSA CON GLI SPONSOR

    Nell’esercitare le loro funzioni, politici ed amministratori si devono astenere dall’accettare doni o benefici dello stesso tipo. A meno che gli stessi non siano di un valore inferiore ai 200 euro. Nel caso però gli eletti rappresentino ufficialmente un ruolo preciso e, grazie a tale ruolo, ricevono regali sono tenuti a consegnarli agli Uffici. Insomma, fare un regalo ad un politico, se superiore ad un certo importo, potrebbe raffigurare una sorta di tentativo di volerne acquisire la riconoscenza e, pertanto, una forma di corruzione. Il 9 settembre, presso il locale "Al tirassegno" di San Daniele del Friuli, il presidente della cooperativa "LA CJALDERIE S.C.S.I.S.", Pietro Valent, che gestisce tale locale quale presidente della coop, ha fatto il pranzo nuziale con molti ospiti fra politici ed imprenditori locali. Pietro Valent, è il sindaco di San Daniele, recentemente passato nella Lega. Formula molto strana e astuta per un matrimonio, gli sponsor hanno sostituito la lista di nozze. Ecco allora che buona parte del banchetto nuziale del sindaco Valent è stato offerto, per importi cospicui, da varie aziende del territorio (vedi foto), fra cui Prosciutto di San Daniele Testa e Molinaro, Prosecco Azienda Fantinel, Birra Malto D'Oro, Trota dell'azienda Friultrota, Confetti Azienda Colombino etc. Possibile che nessuno abbia notato questa anomalia imbarazzante? Lo sposo Pietro Valent non è scindibile dal Sindaco di san Daniele Valent e i regali hanno una soglia massima per poter essere accettati e quindi dichiarati.

realizzazione sito internet ivision web & software