testata perbenista
  • BERTRANDO SOTTO IL SOLE A 40° - IL TEMPO E' SCADUTO

    Lo abbiamo chiamato con un nome di fantasia: Bertrando. E' un cane dolcissimo, chiuso in un recinto di ferro e lamiere, solo, in mezzo a ettari di campo, 24 ore su 24; coperto da una lamiera e pannelli di plastica (vedi foto) oggi alle 13 era sotto un sole bollente di 40°. Attorno a lui tanta ferraglia sparsa nel verde, l'ideale per attirare durante un temporale estivo l'elettricità di un fulmine. Poche ore fa, siamo passati a salutarlo dalle sbarre della sua prigione; non riusciva neppure a stare troppo tempo in piedi, il suo abbaio era debole. Molti di voi avranno capito di che cane stiamo parlando e in che zona si trovi. Pasian di Prato, procedete fino alla fine di Via Molino ed entrare nel Parco del Biotopo. Dopo circa duecento metri sulla destra, in un oasi di silenzio e di calura, troverete un'area recintata, un piccolo cantiere chiuso da un grosso lucchetto e schermato da reti in filo di ferro verdi. Nonostante i tanti appelli Bertrando, da anni, è ancora lì, immobile, solo, apatico. E' arrivato il momento di alzare la voce per Bertrando e per tutti quegli altri animali che vivono nelle sue stesse condizioni. Il suo padrone è un uomo molto anziano che vive nel centro di Pasian di Prato e che da quanto dicono i suoi vicini non porta mai il cane fuori a fare una passeggiata. Ha dichiarato di avere un suo amico preposto a questo compito, un poco come una guardia carceraria durante l'ora d'aria. Quale tortura può essere maggiore che obbligare un essere vivente a trascorrere tutta la sua vita in un recinto isolato dal resto del mondo che passa dal caldo afoso estivo ai temporali violenti invernali? Abbiamo parlato con il sindaco, con le autorità preposte e con chi dovere ma nulla cambia: il tempo è scaduto, Bertrando deve tornare libero, ha diritto al suo benessere animale.

realizzazione sito internet ivision web & software