testata perbenista
  • OMICIDIO A UDINE, MA IL QUESTORE PENSA AL 1945

    Questo pubblicato, è il provvedimento della Questura di Udine (vedi foto) con cui si nega alla Fiamma Nazionale la possibilità di presenziare alla cerimonia pubblica del 25 aprile. Come si legge nel provvedimanto la Fiamma aveva annunciato la sua partecipazione alla cerimonia della Festa di Liberazione esponendo esclusivamente bandiere tricolori e rinunciando a quelle di partito. Il Questore di Udine, Claudio Cracovia, nel provvedimanto ritiene che "la presenza di esponenti del movimento sopra indicato, seppur senza simboli di partito, non sia in sintonia per tradizioni e opinioni pubbliche con lo spirito della ricorrenza dell'Anniversario della Liberazione che celebra anche i protagonisti della Resistenza; che alla manifestazione del 25 aprile, organizzata e debitamente preavvisata dal "Comitato per la Difesa dell'Ordine Democratico e delle Isituzioni Repubblicane", parteciperà anche una delegazione di gruppi e associazioni che da sempre contestano le posizioni espresse dal movimento che fa capo al sig. Salmè". Ma chi sono i rappresentanti del "Comitato per la Difesa dell'Ordine Democratico e delle Istituzioni Repubblicane" e che potere hanno attribuito dalle istituzioni? Un gruppo di Comunisti, con all'interno il segretario provinciale di Rifondazione Comunista Kristian Franzil, vieta a persone nate dopo la guerra di partecipare alla Festa del 25 aprile definendoli post fascisti. Ci domandiamo allora per quale ragione il signor Questore ritiene degni di partecipare alla manifestazione politici locali di estrema sinistra che hanno apertamente negato l'esistenza delle foibe titine. Questa scelta incomprensibile del Questore di Udine vedrà vietare le bandiere tricolore e permetterà a centinaia di bandiere rosse con falce e martello di sventolare. Il Perbenista in quella piazza rossa non ci sarà e invita quanti vorranno onorare la memoria del 25 aprile a fare lo stesso. Intanto questa mattina è stato trovato morto un uomo, cittadino straniero di 35 anni, del quale al momento non è stata resa nota l'identità, ucciso con una coltellata al petto, all'ingresso del condominio dove viveva, in via Muratti a Udine. Invece che parlare di ordine democratco i cittadini vorrebbero sentire parlare di sicurezza.

realizzazione sito internet ivision web & software