testata perbenista
  • TUTTI PAZZI PER CERNO; IL FRIULI TORNA AL CONFINE

    "Dopo neanche un biennio l'azienda sostituisce il direttore de L'Espresso Luigi Vicinanza con Tommaso Cerno (vedi foto) direttore del Messaggero Veneto". Inizia così lo scoop lanciato, ieri mattina, dal Fatto Quotidiano. Si susseguono interminabili centinaia di Tweet. La notizia giunge a ciel sereno anche nella redazione di Viale Palmanova dove i più si dichiarano completamente all'oscuro della notizia. Giornalisti, politici, imprenditori e "scendiletto" cercano invano di mettersi in contatto con Tommaso Cerno, ma il suo cellulare risulta continuamente occupato o non accessibile. Come è giusto che faccia un capitano, Cerno si preoccupa solo di rassicurare i suoi giornalisti e va a pranzo con alcuni di loro, come accade spesso. Si ipotizza che il trasferimento alla guida dell'Espresso possa essere un modo prestigioso per far tornare Tommaso Cerno nella capitale che tanto ama e ad avvicinarlo anche a Viale Mazzini. Ma queste sono e restano solo ipotesi. Da parte di Cerno bocca cucita. Ma, augurato ogni bene possibile al bravo direttore, la seconda domanda che si trasforma in un tormentone è: "Chi arriverà al posto suo?". Anche qui i millantatori del sistema esplodono in mille ipotesi. Qualcuno parla di un'unica direzione fra Messaggero Veneto e Piccolo, consegnando le redini di viale Palmanova a Enzo D'Antona. Qualcun altro sogna la soluzione casalinga con un tandem Giuseppe Ragogna - Paolo Mosanghini. Altri, partendo dal ragionamento che il Gruppo Espresso non fa mai tornare un direttore sul luogo del delitto, non esclude un nuovo giro di valzer generale per tutti quotidiani dell'ingegnere. Ma Debora Serracchiani come avrà preso questa notizia? Felice perchè potrà avere Cerno impegnato su scala nazionale così come lo sarà lei, oppure preoccupata nell'ipotesi di una sua ricandidatura in Regione Fvg dovendosi affidare ad un Messaggero Veneto passato in mano al direttore del quotidiano che ha fatto stravincere Roberto Dipiazza a Trieste? Ma quando Tommaso Cerno andrà via da Udine, a Roma si ricorderanno ancora dell'esistenza del Friuli Venezia Giulia?

realizzazione sito internet ivision web & software