testata perbenista
  • L'INCREDIBILE SELEZIONE DELL'ADDETTO STAMPA DEL TEATRO

    Lo scorso 14 maggio il Presidente del Teatro Nuovo Giovanni da Udine, Paolo Vidali (vedi foto) fima un avviso di selezione per l'incarico di addetto stampa. Fino a quel momento l'incarico era ricoperto egregiamente dal giornalista Sandro Sguazzin che secondo il job act tanto caro a Renzi dopo tre anni consecutivi di ruolo avrebbe potuto aspirare ad un incarico a tempo indeterminato. Non solo, al momento del congedo Sguazzin riceve una lettera di commiato da Vidali ricca di complimenti ed elogi per il lavoro svolto. Prova ne è che appena l'avviso viene pubblicato, immediatamente il sindacato della stampa chiede un incontro con Vidali cercando di tutelare inutilmente Sguazzin. L'incarico - dice il bando - avrà durata annuale e potrà essere rinnovato. Fra le modalità di espletamento dell'incarico Vidali raccomanda ai concorrenti "il possesso obbligatorio di un cellulare e di un indirizzo e-mail per le comunicazioni tra le parti". La domanda andava presentata entro il 27 maggio 2015 con allegati il tesserino da giornalista ed il curriculum oltre a scritti significativi dell'interessato e "referenze di altri Enti/soggetti sia pubblici che privati", in poche parole una sorta di raccomandazione. La valutazione - concludeva l'avviso (scaricabile dal link sul sito del Teatro Giovanni da Udine) sarà esaminata da una Commissione composta dallo stesso Presidente Vidali, dal Sovrintendente Feruglio ed "altro membro del cda". L'avviso termina con la seguente dicitura: "i candidati con professionalità adeguata e conforme alla figura ricercata verranno contattati per un colloquio". Bene; a quella selezione hanno partecipato ottimi giornalisti che non sono stati considerati neppure degni di essere richiamati al colloquio. L'avviso di avvenuta selezione addetto stampa, a firma Paolo Vidali (vedi allegato Pdf) non riporta neppure una data dell'atto in calce. La stessa frase di selezione grida vendetta. "L'incarico è stato affidato alla sig.ra FRANCESCA FERRO n. Venezia il 14/8/1964 per l'importo indicato nell'avviso del 15 maggio 2015 pari ad euro 18.000 Lordi". Ma è modo di scrivere un atto amministrativo? Inoltre emergono varie responsabilità da parte della Commissione selezionatrice o di chi per essa: 1) Non è mai apparsa alcuna graduatoria dei concorrenti; chi è arrivato secondo? - 2) Nessuno dei selezionatori era un giornalista e quindi in grado di giudicare la competenza e la professionalità dell'addetto stampa ricercato - 3) La vincitrice è una pubblicitaria titolare di agenzia di comunicazione e pubblicità, ruolo incompatibile con la professione di giornalista addetta stampa.

realizzazione sito internet ivision web & software