testata perbenista
  • COLAUTTI LANCIA LA SUA CORSA A SINDACO DI UDINE

    Sorride sornione, conscio che ormai le quotazioni del leader udinese di Forza Italia, colui che soprannomina ironicamente "cipresso" sono ormai crollate. Neppure Massimo Blasoni rappresenta un problema visto che mai tenterebbe la candidatura a sindaco di Udine. In consiglio regionale giura di non voler più tornare e concentra tutte le sue energie e i suoi "fondi" per partire in largo anticipo con la campagna elettorale a primo cittadino. Secondo i suoi piani, il centrosinistra farà correre Enzo Martines, una brava persona ma battibile. La Lega Nord difficilmente farà parte dello stesso cartello elettorale; Autonomia Responsabile/Ncd si collocano nell'area liberale del centrodestra ma non in quella estrema. Ed è per questo che domani pomeriggio Alessandro Colautti (vedi foto manifesto) alle ore 18 organizzerà un evento tutto suo: "COLAUTTI #NETWORK". Una sorta di Leopolda moderata con annessi testimonial del mondo dell'impresa e del sociale. A parlare dal suo tavolo ci saranno Carlo Piemonte (Direttore Asdl Legno Arredo), Paola Marizza, Elisabetta Vignando, Elisabetta Scuteratti (Associazione Solidarietà Insieme), Valerio Pontarolo (Presidente Ance Fvg), Thomas Bertacche (Cec), Graziano Tilatti (Presidente Confartigianato Fvg) e Dario Ermacora (Presidente Coldiretti Fvg). Le parole d'ordine di Colautti? Autonomia e Udine caput Friuli.

realizzazione sito internet ivision web & software