testata perbenista
  • DIRETTORE TOMMASO CERNO A LEI DEDICHIAMO 'A LIVELLA

    Egregio direttore del Messaggero Veneto, Tommaso Cerno (vedi foto), a Lei che in vesti sempre eleganti gira per il centro di Udine, disconoscendo o provando quasi imbarazzo a salutare le Sue vecchie amicizie di gioventù, noi umili blogger vogliamo dedicarLe due righe di un sommo poeta: Totò. " La casta è casta e va, si, rispettata, ma Voi perdeste il senso e la misura; la Vostra salma andava,si, inumata; ma seppellita nella spazzatura! ... Nu rre, nu magistrato, nu grand'ommo, trasenno stu canciello ha fatt'o punto c'ha perzo tutto, 'a vita e pure 'o nomme: tu nu t'hè fatto ancora chistu cuntu? Perciò stamme a ssenti...nun fa' 'o restivo, suppuorteme vicino-che te 'mporta? Sti ppagliacciate 'e ffanno sulo 'e vive: nuje simmo serie...appartenimmo à morte!" Da quando è andato via Omar Monestier, non si legge una sola riga su vicende che tocchino o solo sfiorino rappresentanti reali della casta regionale e dove viene fatto si fa grande attenzione a minimizzare il tutto. Nello stesso tempo gli stessi personaggi che blogger e social network apertamente criticano perchè appartenenti a piani alti del mondo universitario, ospedaliero o politico, vengono visti entrare e uscire da viale Palmanova. Io e Lei, direttore, ci conosciamo da molti anni, da quando assieme lavoravamo nella segreteria particolare del vice ministro Mauro Fabris. Sono un umile blogger, lo ripeto, non sono un artista e, pertanto, mai troverà alcuna mia opera artistica esposta in nessun ente pubblico provinciale o regionale. Nel frattempo mentre la casta continua ad assumere amiche ed interinali, Lei non si scomponga in questi giorni di pioggia e continui ad informare sul livello dell'acqua.

realizzazione sito internet ivision web & software