testata perbenista
  • STRADE INCAPPUCCIATE: IPOTESI PRESIDENZA CERVESI

    Qualcuno sostiene che per muoversi con sicurezza nelle strade del Friuli Venezia Giulia più che un casco sia utile un cappuccio. Per molto tempo si è detto che l'attuale presidente di Autovie Venete, Emilio Terpin, fosse stato un importante iscritto della massoneria triestina e lui, onestamente, a chi gli pose la domanda disse di essere attualmente in sonno. In queste ore per i corridoi di Fvg Strade, gira il nome del possibile successore al presidente Giorgio Santuz. Non sarà Maurizio Ionico, considerato da alcuni grossi costruttori inopportuno, ma un noto ingegnere dal passato repubblicano, anche esso come Terpin già vicino ad Illy, e si dice, vicino alla massoneria triestina: Giovanni Cervesi. Cervesi, che in passato, anche se per soli pochi mesi fu già presidente di Fvg Strade, è noto alle cronace triestine per aver chiesto, ma non ottenuto, con regolare parcella collegata ai lavori da eseguirsi nell'ambito della gara per la concessione demaniale marittima del Porto Vecchio, circa due milioni di euro all'Impresa di Costruzioni Maltauro associata alla Rizzani de Eccher.

realizzazione sito internet ivision web & software