il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
FRIULI VENEZIA GIULIA MAGLIA NERA PER COVID 19; RECORD CONTAGI NELLE CASE DI RIPOSO

GUARNERI (144MILA EURO ANNUI) NON VACCINA MA AUMENTA LE RETTE AGLI ANZIANI

Dopo i nostri dubbi emersi sulle confidenze raccolte da vari famigliari di anziani ospiti de La Quiete, oggi un quotidiano locale dedica ben due articoli al mega direttore generale, Salvatore Guarneri, di fatto scaduto assieme al vecchio cda. Guarneri, apparso per mesi come presidente regionale dell'Aiop (associazione italiana ospedalità privata), in quanto amministratore delegato del sanatorio Triestino e delle TermeFvg, finì in un'interrogazione del M5S a Palazzo D'Aronco durante il mandato Honsell. Oggetto dell'interrogazione era sapere se esiste qualche incompatibilità tra i “mille” incarichi svolti da Guarneri con quello di direttore generale della Quiete. I soci di TermeFvg sono il Sanatorio di Trieste (52%) di cui Guarneri è consigliere delegato e socio, la cooperativa Grado riabilita (9%) di cui fanno parte lo stesso Sanatorio triestino ed Eutonia Srl entrambe amministrate da Guarneri, la Git di Grado (30%) e Nord care (8%). Quest’ultima cooperativa è la somma delle tre che gestiscono le case di riposo Sant’Anna e quella di Paderno a Udine più una a Palmanova. Non va dimenticato inoltre che la Regione, nel 2015, aveva nominato, su insistenza di Agostino Maio (Pd), Guarneri commissario di villa Russiz. A fronte di un incarico retribuito oltre 120 mila euro lordi annui, più 24mila euro variabili (vedi foto), esiste da contratto un numero minimo di giorni nei quali Guarneri deve garantire la sua presenza nella struttura di via Sant’Agostino? Il neo Presidente de la Quiete, Alberto Bertossi, invece di aumentare le rette degli anziani ospiti, non avrebbe fatto meglio a verificare se è normale dal 2015 avere un direttore generale che percepisce circa 150mila euro annui dedicando solo qualche ora alla struttura udinese, dovendo seguire almeno altre quattro importanti realtà sanitarie dislocate per tutta la regione? Intanto, oggi, sempre dalla stampa locale, dopo tanti mesi di zero contagi improvvisamente La Quiete comunica la positività di 30 operatori e una sessantina di anziani.