il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
REPORT SUL CASO MASCHERINE FARLOCCHE FVG

"F.T. MARINETTI - ROTTA FUTURA" : LA DESTRA SI ORGANIZZA

Circolo culturale “F. T. Marinetti – Rotta Futura” Udine. Da decenni oramai, assistiamo ad una dittatura culturale autoreferenziale esercitata dai Marxisti e dai loro discendenti. Una dittatura che va dall’Insegnamento, fino all’Accademia, dalla Lingua ai costumi sociali.
Tutto ciò che è proveniente da quell’area è corretta, democratica, degna, umanitaria e culturalmente elevata.Tutto ciò che non proviene in maniera diretta o in diretta è barbarie, populismo, demagogia, spazzatura culturale. L’avvento di esperienze di Governo a vari livelli istituzionali non è riuscito a invertire la tendenza, anzi paradossalmente l’ha acuita. Crediamo valga la pena, almeno a livello locale e regionale, sfidare questa egemonia dittatoriale riaffermando con forza la portata storica e futura della cultura di destra e di quella valorialità insita nel mito della Nazione. In tale ambito il Circolo Culturale “F. T. Marinetti – Rotta Futura” intende agire recuperando, riproponendo e proponendo sogni ed eresie vecchi (comunque attuali) e nuovi con la consapevolezza che una pianta rimane sempre se stessa, ma crescendo cambia. Una rinnovata pulsione che partendo dalla tradizione si slanci verso il futuro, non più entità da subire, ma possibilità da determinare attraverso l’azione e la rinascita culturale, sociale e militante. Queste le basi per tracciare una nuova rotta verso il futuro. Una ritrovata etica della legalità, ma anche una legalità che sia etica. Un ritrovato orgoglioso senso di appartenenza nazionale, ma anche una fortissima pulsione identitaria. Una forte e rinnovata vocazione alla partecipazione diretta, ma il rifiuto dell’assemblearismo di maniera. Il gusto salvifico della provocazione dialettica, ma anche il senso etico e vigoroso dell’azione. Il recupero del senso delle Istituzioni, ma anche l’esigenza di una loro riforma assoluta e non relativa. L’abbandono delle politiche basate sulla paura e l’avvento di politiche prospettiche basate sull’opportunità. Il superamento del dogmatismo laico attraverso il ritorno alla disputa dialettica. Questo e molto ancora anche attraverso il recupero e la riscoperta di autori, disconosciuti o condannati perché non confacenti se non in rotta di collisione con il pensiero unico o con la dittatura culturale. Perché il futuro sarà Destra se la Destra saprà costruire il futuro (e quindi meritarselo).