il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
DUBBI SUI CONTROLLI DEL DIRETTORE DI DISTRETTO UDINESE CANCIANI

EPIDEMIA A LA QUIETE; L'ASP SCARICA SUI MEDICI DI FAMIGLIA

Sono molti i casi di influenza, con febbre alta, riscontrati nelle ultime settimane alla Asp La Quiete di Udine, in particolar modo nel padiglione Hofmann dove molti assistiti, per ragioni da chiarire, non sono stati vaccinati. I parenti sono preoccupati visti i vari decessi riscontrati ultimamente causa l'età avanzata degli ospiti. Secondo il dirigente Antonio Impagnatiello, sentito telefonicamente, devono essere i medici di famiglia degli anziani a valutare se per loro "sia rischioso o meno" condividere pochi metri quadrati con due malati con febbra alta. Intanto non si capisce per quale ragione i medici assunti nella struttura non possano intervenire con decisione. Nella giornata di ieri i malati con febbre erano ancora molti ma non vi era presenza di medici sul posto. Alcuni degenti nel pomeriggio avevano la mascherina dell'ossigeno (vedi foto) per problematiche respiratorie, altri erano addormentati profondamente e si sono riscontrate delle lamentele e delle preoccupazioni da parte dei famigliari. Intanto gli uffici dell'ambito girano le responsabilità al direttore del distretto sanitario e a quello dei servizi socio assistenziali ribadendo che ciascun degente deve fare riferimento al proprio medico di famiglia anche se si trova ricoverato in casa di riposo e che, qualora dovessero registrarsi dei casi particolarmente gravi, saranno questi ultimi a dover predisporre il ricovero in Ospedale, esonerando da ogni responsabilità i medici de La Quiete.