il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
PARENTOPOLI IN MARILENGHE AL TEATRI STABIL FURLAN

FDI METTA A NANNA IL PENSIONATO PLURIVITALZIATO

Un consiglio comunale che ha visto l'umiliazione più completa di quel che resta della maggioranza del centrodestra. E' trascorso appena un anno e il sindaco Fontanini ha già tradito cinque fedelissimi. Nel suo staff di gabinetto le cose non vanno meglio: l'esperta e storica segretaria Antonella Gonzo ha chiesto il trasferimento al protocollo lasciando il posto alla ex cuoca della di Palazzo Belgrado Patrizia Pauletig; al posto del decennale blogger Marco Belviso, il sindaco Fontanini individua Michela Trotta, neo iscritta all'ordine dei giornalisti dal 28 gennaio di quest'anno e selezionata dal talent scout Daniele Damele. Capo ufficio stampa Francesco Chert, già allontanato da Sandra Savino, Riccardo Riccardi, Massimo Blasoni e Angelo Compagnon. L'imbarazzo del centrodestra nell'ascoltare le ragioni per cui il sindaco ha sostituito Paolo Pizzocaro e Daniela Perissutti con Antonio Falcone e Giulia Manzan era palpabile nell'aria. Fontanini non ha mai avuto il coraggio di alzare lo sguardo alla pari del giovincello maroniano Alessandro Ciani che si fregia di una laurea che non possiede e che gli uffici fingono di ignorare (nei documenti appare spesso la sigla "dott"). L'assessore Giovanni Barillari come al solito è arrivato in ritardo e non ha aperto bocca. Il consigliere comunale Giovanni Govetto ha inseguito per le scale l'ex assessore Daniela Perissutti scusandosi per il contenuto di un articolo del Messaggero in cui si vantava di avere più voti nel quartiere Di Giusto del presidente Stefano Salmè. Intanto il presidente del consiglio comunale Enrico Berti prende tempo per discuetere la mozione del capogruppo di Fdi Luca Vidoni in cui si chiede il test anti droga dei consiglieri comunali. Le paure di un paio di amare sorprese sono evidenti ad occhio nudo. Qualcuno abbia il coraggio e il senso di responsabilità di spiegare al pensionato plurivitaliziato di non essere in grado di amministrare Udine e lo metta a risposo anticipatamente prima che sia tardi. Oggi, se si tornasse al voto, il centrodestra potrebbe ancora vincere e ben governare.