il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
PARENTOPOLI IN MARILENGHE AL TEATRI STABIL FURLAN

LA MAGGIORANZA DEGLI UDINESI NON VUOLE FONTANINI SINDACO

Il sindaco Pietro Fontanini, dati alla mano, non gode più della fiducia della maggioranza degli udinesi. Se, oggi, si tornasse al voto non si avvicinebbe nemmeno lontanamente alla vittoria. Presto spiegato. Al ballottaggio, nel maggio 2018, Pietro Fontanini ottenne 18.830 voti contro i 18.550 del suo antagonista Vincenzo Martines: uno scarto di appena 280 voti, ossia 140 elettori. Oggi, Pietro Fontanini non gode più del sostegno del consigliere Paolo Pizzocaro (203 voti), Marcello Mazza (56 voti), Antonio Pittioni (56 voti), della lista civica di Stefano Salmè (394 voti), della lista di Daniela Perissutti (394 voti), dei voti vicini al suo ex addetto stampa Marco Belviso, dei voti vicini al gioielliere di via Mercatovecchio Gianni Croatto e di numerosi altri settori della città di Udine delusi dal nuovo sistema di raccolta dei rifiuti, della mancanza di sicurezza, della chiusura al traffico di via Mercatovecchio, delle mancanze dei servizi sociali, dalla gestione de La Quiete. Contando solo i voti degli eletti, all'attuale amministrazione Fontanini mancherebbero oltre 1.100 voti, quindi invece di ottenere 18.830 voti si sarebbe fermato a 17.730. Un sindaco di Campoformido, sei assessori su dieci di fuori Udine che comunicano fra loro in lingua friulana, hanno deciso di voltare le spalle alla popolazione udinese.