il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
IL VICE PRESIDENTE DE LA QUIETE SMASCHERA IL DIRETTORE GENERALE GUARNERI

GRAVI OMISSIONI DALL'AZIENDA SANITARIA: ZERO CONTROLLI

Sono passate diverse settimane dall'arresto del patron della Sereni Orizzonti, ma una cosa non appare ancora chiara. Come ha potuto, il gruppo, fare indisturbato tutto ciò di cui viene incolpato e altro, senza mai una minima vigilanza e un controllo accurato, da parte dell'Azienda Sanitaria regionale, sui servizi semiresidenziali e sulle residenze per anziani non autosufficienti delle sue strutture? Il Decreto del Presidente della Regione 13/07/2015 n.0144/Pres. al Titolo VII dedica ampio spazio alla "Funzione di vigilanza e controllo". In particolare al Capo II "Vigilanza e controllo sui servizi semiresidenziali e sulle residenze per anziani non autosufficienti" l'art. 40 (vedi foto) recita testualmente: "La funzione di vigilanza è esercitata periodicamente o attivata di iniziativa in caso di specifiche segnalazioni o ogni qualvolta se ne ravveda la necessità...le funzioni di vigilanza sono esercitate dall'Azienda per l'assistenza sanitaria territoriale competente, attraverso la Commissione di vigilanza prevista per le strutture sanitarie dalla deliberazione della giunta regionale 30 dicembre 2004, n.3586. Alla Commissione sono attribuite le seguenti funzioni: verifica tecnica di controllo del possesso dei requisiti minimi autorizzativi, verifiche tecniche di controllo della permanenza dei requisiti minimi autorizzativi ai fini della verifica della veridicità delle dichiarazioni sostitutive di atto di notorietà di cui all'art.38. Restano ferme le competenze attribuite alle Aziende per l'assistenza sanitaria ai sensi della legislazione in materia di igiene pubblica, sicurezza igienico - nutrizionale, prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro. Altro articolo importantissimo che l'Azienda Sanitaria ha trascurato nelle sue funzioni ispettive alla Casa di Riposo è l'art.41 (Controllo di appropriatezza): "La funzione di controllo di appropriatezza sui servizi e sulle residenze di vario genere per anziani non autosufficienti è esecitata periodicamente o attivitata di iniziativa e consiste nella verifica della corretta applicazione di quanto previsto negli accordi contrattuali stipulati tra l'Azienda per l'assistenza sanitaria e gli enti gestori sei servizi semiresidenziali e delle residenze; nella verifica della correta rendicontazione delle prestazioni sanitarie e sociosanitarie riconosciute nell'ambito degli interventi regionali di sostegno alla non autosufficienza; nella verifica dell'appropriatezza e della qualità delle prestazioni sanitarie e sociosanitarie erogate dai servizi semiresidenziali e dalle residenze autorizzate all'esercizio". Insomma, perchè l'Azienda Sanitaria in tutti questi anni non ha esercitato i dovuti controlli e perchè la Guardia di finanza ha ravvisato irregolarità che, invece, la Azienda Sanitaria regionale non ha mai "notato"?