**
  • Home > Gossip > UDINE: DEGRADO IN FRANZ'S HOUSES
  • stampa articolo

    UDINE: DEGRADO IN FRANZ'S HOUSES

    1970A

    Sono trascorsi oltre venti anni dalla prima raccolta firme inviata all'amministrazione comunale udinese per chiedere che venisse messo in sicurezza lo stabile di via Pordenone appartenente all'assessore al grande degrado Maurizio Franz. Uno stabile sempre più pericoloso, con rifiuti abbandonati, cumuli di escrementi e tettoie pericolanti. Nonostante il dirigente dell'edilizia Pilosio abiti a pochi metri da casa Franz, ad oggi, dopo un breve periodo di transennamento, nulla è stato fatto. Nel frattempo, nel silenzio totale del sindaco Fontanini e dell'assessore alla sicurezza e all'edilizia privata Alessandro Ciani, ci arrivano altri due importanti segnalazioni. Verso la fine di via Cividale, da molti anni, c'è un grande edificio abbandonato con le stesse caratteristiche di pericolosità e degrado di quello di via Pordenone. Non solo; i rami degli alberi del giardino interno all'edificio invadono il pubblico marciapiede coprendo l'importante palo deglla segnaletica pedonale in prossimità delle strisce (vedi foto). Anche questo stabile appartiene all'assessore al degrado Maurizio Franz (Lega). Fra l'altro ci troviamo in prossimità di via Di Giusto, la zona tanto monitorata dalla Polizia Locale, da Ciani e dal neo presidente di quartiere Salmè.

Responsabilit� dell'utente

Ogni opinione espressa dai lettori attraverso i commenti agli articoli � unicamente quella del suo autore, che si assume ogni responsabilit� civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere "Il Perbenista" manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato. Tutti i contributi testuali, video, audio fotografici da parte di ogni autore/navigatore sono da considerarsi a titolo gratuito.
Lascia un commento Sei Umano?

Scrivici a:

perbenista@gmail.com
PUBBLICITÀ