il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
VIDEOTELEBLOG - IL NUOVO CANALE YOUTUBE DEDICATO ALLE INCHIESTE

PERICOLO: CIANI NON VUOLE DEMOLIRE L'EDIFICIO DI FRANZ

"Alcuni mesi fa abbiamo fatto un sopralluogo con i residenti e ci siamo resi conto che la cascina è troppo diroccata. In quell'occasione abbiamo promesso agli abitanti che la avremmo demolita e ora abbiamo incaricato un professionista di redigere il piano" - ha dichiarato alla stampa l'assessore alla sicurezza e all'edilizia privata Alessandro Ciani (Lega). "Siamo di fronte ad una situazione di degrado assoluta che non lascia spazio alla realizzazione di alcun progetto" - prosegue Ciani, pur sapendo che si tratterebbe di demolire una delle ultime testimonianze della civiltà contadina ancora presente a Udine. Non ci vuole passare per via Pordenone, invece, nessun componente della giunta comunale udinese, tranne l'assessore ai grandi eventi Maurizio Franz (Lega), che possiede da vari decenni un enorme edificio con ampia area verde in avanzato stato di degrado tanto da essere stato oggetto di ripetute segnalazioni da parte dei residenti. Sebbene i residenti del luogo abbiano più volte denunciato la presenza di pantegane, sporcizia, rifiuti abbandonati, ma soprattutto di crolli di calcinacci, tegole e vetri (vedi foto) a ridosso di 120 metri di marciapiede pubblico, il sindaco Pietro Fontanini (Lega) e il suo assessore alle ruspe Ciani non intendono intervenire nei confronti del collega. Gli uffici comunali del servizio edilizia privata, interpellati al telefono, hanno dichiarato di essere a corrente della situazione di degrado che comporta anche possibili rischi per quanti transitano sotto l'edificio, ma che mai come in questo caso l'ordine di intervenire dovrebbe arrivare dal sindaco o da Ciani. Il dirigente del servizio edilizia privata, architetto Giorgio Pilosio, abita anche esso in via Pordenone, in una palazzina in ottima condizioni, esattamente di fronte a quella dell'assessore Maurizio Franz, ma parrebbe essere l'unico residente della via a non "essersi scritto" per reclamare contro il potente vicino di casa. A questo punto la palla passa al geometra Giovanni Raiser, indicato dagli uffici comunali, come responsabili delle segnalazioni di degrado ed emergenza oppure al comando dei Vigili del Fuoco a cui scriviamo per competenza.