**
  • Home > Gossip > SCANDALO: MARCHETTONE DI UN MESE ALL'ING. BENEDETTI
  • stampa articolo

    SCANDALO: MARCHETTONE DI UN MESE ALL'ING. BENEDETTI

    1875A

    Uno scandalo che difficilmente non avrà ripercussioni nella maggioranza che sostiene Pietro Fontanini e nel mondo della cultura friulana. Il Sindaco di Udine, Pietro Fontanini (Lega) ha concesso per un mese intero (cosa mai successa in passato) l'utilizzo della Galleria Tina Modotti per una mega marchetta al settimanale Il Friuli dell'ing. Giampiero Benedetti, titolare anche dell'emittente locale Telefriuli. Da giovedì 18 aprile fino al 19 maggio 2019, la galleria Tina Modotti ospiterà una serie di cartelloni e banner (vedi foto) che ritraggono le pagine del settimanale Il Friuli, oltre ad una serie di riviste in omaggio. La Galleria sarà aperta solo durante i week end, quindi gli altri giorni sarà occupata ma chiusa. Fatto molto grave se si considera che gli ultimi giorni coincideranno con l'evento Vicino/Lontano e per la prima volta sarà negato agli organizzatori l'utilizzo della galleria. Il marchettone, grazie all'importanza della proprietà, gode anche del patrocinio della Fondazione Crup, della Regione Fvg e del Comune di Udine. Ma come è possibile patrocinare un giornale che da tempo versa in gravi difficoltà e che si mantiene grazie ai tanti sponsor istituzionali?

Responsabilit� dell'utente

Ogni opinione espressa dai lettori attraverso i commenti agli articoli � unicamente quella del suo autore, che si assume ogni responsabilit� civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere "Il Perbenista" manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato. Tutti i contributi testuali, video, audio fotografici da parte di ogni autore/navigatore sono da considerarsi a titolo gratuito.
Lascia un commento Sei Umano?

Scrivici a:

perbenista@gmail.com
PUBBLICITÀ