il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
REPORT SUL CASO MASCHERINE FARLOCCHE FVG

FONTANINI INGUIAIA LA GIUNTA: POSSIBILE DANNO ERARIALE

Da più consiglieri di quartieri e comunali è stata ravvisata una ripetuta violazione dell'art.26 del regolamento dei Consigli di Quartiere, specialmente per quanto concerne il quartiere Udine Centro. Sono state adottate, infatti, deliberazioni che interessano i quartieri senza che al rispettivo Consiglio sia stato richiesto in via preventiva il parere che compete loro, come previsto dall'art.26 del regolamento. Va chiarito che l'acquisizione del parere dei consigli si colloca nella fase istruttoria del procedimento di formazione dell'atto. E' bene chiarire fin da subito che quanto all'ipotesi di omessa richiesta di parere preventivo, gli effetti che si producono sull'atto comunque approvato sono quelli che derivano dall'inosservanza di norme di carattere regolamentare ovvero il possibile annullamento dell'atto medesimo per vizio di legittimità, fatto valere in sede di giustizia amministrativa da chi vi abbia interesse. Non pochi sono gli atti presi sulla viabilità, la pavimentazione e la rete urbana nel centro storico, con tanto di gare. A rigore dovrebbe essere tutto annullato onde arrivare a danni maggiori per l'amministrazione e per chi ne dovrà rispondere. La situazione è particolarmente grave poichè in seguito ad un'analoga richiesta di parere in merito, da parte del capogruppo della Lega Marcello Mazza al segretario generale Cipriano, il segretario si è espresso esattamente in questi termini consigliando la massima prudenza. Per questo il Sindaco Fontanini ha chiesto all'assessore Perissutti di predisporre immediatamente una delibera per sopprimere l'art.26 del regolamento dei Consigli di Quartiere. Questo dimostra la gravità in cui versa l'amministrazione qualora non dovessero essere annullati gli atti ad oggi non passati nei vari consigli di Quartiere per un preventivo obbligatorio ma non vincolante parere. In caso di eventuale danno amministrativo o erariale sarà chiamato a rispondere chi di dovere, ossia sindaco, giunta e dirigenti.