**
  • Home > Gossip > CHIUDERE I CENTRI SOCIALI E CONTROLLARE LE SEDI ARCI
  • stampa articolo

    CHIUDERE I CENTRI SOCIALI E CONTROLLARE LE SEDI ARCI

    1770A

    Imbrattato il presepe di piazzetta del Pozzo
    “La vostra fede, un razzismo dalla lunga storia“, “il vostro Giuseppe, un uomo a cui negate la dignità togliendo le panchine”, “il vostro Gesù, un bimbo nato a bordo delle navi che non accogliete”, “la vostra Maria, ogni donna incinta in Libia senza dire sì al suo signore”le accuse, scritte con dello spray marrone, sono state trovate stamane sulle sagome del presepe di piazzetta del Pozzo (vedi foto). Coperte, sempre con la stessa vernice, le teste dei protagonisti della riproduzione della natività. Gesti di teppisti, contro il senso civico ma soprattutto contro quella che in Italia è la religione dei cattolici. Non si tratta di ignoti e neppure di scritte compiute durante la notte come qualcuno vorrebbe far credere per nascondere delle gravi responsabilità di idioti che manifestano vigliaccamente. Si tratti di azioni dei soliti noti centri sociali e anarchici molti dei quali si ritrovano sovente al Circolo Arci Misskappa di viale Ungheria. Già ieri nella tarda mattinata alcuni di loro si sono ritrovati fuori dal Presepe di viale Ungheria a suonare e cantare musiche che certo non avevano nullaa che fare con lo spirito natalizio. Non è possibile tacere e neppure essere vittime di queste violenze verbali e psicologiche compiute da gente coperta dai partiti della sinistra. E' ora che i centri sociali "non in regola" vengono ispezionati severamente come accade in tutti i locali pubblici e si verifichi la capienza e le licenze dei tanti circoli Arci che quando organizzano eventi non rispettano le più elementari regole di sicurezza. Insomma tolleranza zero verso chi non si comporta da cittadino modello in una città fra l'altro in cui molti di loro neppure ci vivono. Perchè se i profughi rappresentano un problema per molte zone della città, le zecche sono ancora peggio.

Responsabilit� dell'utente

Ogni opinione espressa dai lettori attraverso i commenti agli articoli � unicamente quella del suo autore, che si assume ogni responsabilit� civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere "Il Perbenista" manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato. Tutti i contributi testuali, video, audio fotografici da parte di ogni autore/navigatore sono da considerarsi a titolo gratuito.
Lascia un commento Sei Umano?

Scrivici a:

perbenista@gmail.com
PUBBLICITÀ