il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
VIDEOTELEBLOG - IL NUOVO CANALE YOUTUBE DEDICATO ALLE INCHIESTE

MONESTIER CONFONDE L'IRONIA CON L'OFFESA

La manifestazione tenuta da un gruppo di anarchici e dell'Arci accanto al Presepe di via Aquileia da chiunque sarebbe stata considerata inopportuna e blasfema. Il Messaggero Veneto, invece, la etichetta come una manifestazione organizzata con "cartelli ironici sulle scelte della giunta" (vedi foto). Ma cosa ci trova, Monestier, di ironico in cartelli con attacchi alla Chiesa, al Presepe e al sindaco Fontanini? Questo è il testo di alcuni cartelli appoggiati vicino al Santo Presepe: "Cara Giunta Comunale, la sacra famiglia non è naturale"; "Udine: Foglio di via a Giuseppe e Maria", Fontanini: Niente panchine ai clandestini"; "Dio uno e trino = non binario". Per quale ragione le critiche ai temi cari alla sinistra vengono considerati come attacchi etici e personali, mentre le offese al mondo cattolico o di centrodestra sono considerate "ironiche"? Criticare il comportamento di alcuni giornalisti è lesa maestà oppure ironia?