**
  • Home > Gossip > LAV E CAMBER METTONO A CUCCIA RICCARDI
  • stampa articolo

    LAV E CAMBER METTONO A CUCCIA RICCARDI

    1742a

    Per nulla felice di questo stralcio operato dal giovane Ponzio Polesello, l'assessore comunale di Pordenone, Stefania Boltin, aveva già predisposto con l'amministrazione guidata da Alessandro Ciriani 1200 microchip da omaggiare ai felini pordenonesi. Non esiste nulla di meno nobile che sfruttare gli animali per apparire in prima pagina o nei Tg. Questa è la sensazione che si percepisce quando le varie associazioni animaliste litigano fra di loro tirate dalla giacca da questo o quel politico. Ne è un esempio un post apparso sulla pagina Facebook della Lav che recita testualmente: "Premessa. A Pordenone, esistono persone buone e modeste, che con altruismo e buona volontà, si prestano e svolgono ruoli senza nulla esigere dalla società, detti di volontariato. Ieri, a seguito del ritrovamento alla Burida, di bocconi pericolosi per gli animali che frequentano il parco, l'assessore all'ambiente Stefania Boltin sagacemente ha convocato alle ore 17,30 un urgente tavolo di concertazione. Oggi, ho letto l'articolo pubblicato dal Gazzettino che riporta sulla riunione dal quale si apprende che "era presente l'avv. Alessandra Marchi sempre in prima linea quando si tratta di difendere gli animali e la loro salute" "alcune associazioni animaliste" "..per le Istituzioni presenti assessore Stefania Boltin il consigliere regionale Simone Polesello il comandante Stefano Rossi l'Azienda sanitaria". Per dovere di cronaca e non solo, di seguito riporto l'elenco delle associazioni e delle persone che erano presenti alla riunione ma che nell'articolo non vengono menzionate. Associazioni: META Francesca Fedrigo - LAC Alessandro Sperotto - LAV Guido Iemmi // A.A.S. Dipartimento prevenzione dott. Luciano Bonadio // dott.ssa Paola Ortone Responsabile Ufficio animali - Maresciallo Polizia municipale (chiedo scusa non ricordo il nome)// Consigliere comunale avv. Anna Facondo - Consigliere comunale Samanta Miot". E che dire del post apparso sulla pagina Facebook del consigliere regionale Simone Polesello (con tanto di foto - vedi) che scrive: " Prioficuo incontro questa mattina per parlare di tutela degli animali. Stiamo lavorando ad una proposta di legge per gli animali a 4 zampe. Un grazie alla dott.ssa Ilaria Innocenti Responsabile nazionale area animali familiari, alla dott.ssa Eriberta Ros, Presidente Ordine Veterinari e a Guido Iemmi, referente istituzionale regionale Lav". Poche ore fa dal profilo di Guido Iemmi si legge la leccata finale a Polesello, poco importa se a farne le spese saranno gli animali senza tessera Lav: "Dall'annuncio del 15 novembre, relativo all'inserimento all'interno della legge collegata alla manovra di Bilancio, di modifiche alla LR20, fra le quali l'obbligatorietà della Anagrafe felina dei gatti di proprietà; oggi, 27, è stato licenziato il rinvio a ddd. Questa mattina, in III Commissione consiliare, la Lega Nord - il consigliere regionale Simone Polesello (Lega) è intervenuto favorevolmente in merito alla proposta di rinvio dell'obbligo di dotare di microchip i gatti del Friuli Venezia Giulia. Il consigliere Polesello ha accolto le istanze dal territorio. Ha accolto in toto le istanze della LAV, per il rinvio di detta proposta, al fine di avviare una discussione nel merito e nel contesto di una rilettura della LR 20. In particolare, è stato chiesto al consigliere, di ammettere alla discussione le associazioni di protezione e difesa dei diritti degli animali. Non ci risulta che nella proposta lanciata il 15 novembre, ci fosse stato coinvolgimento di alcuno". Ma quanti sono gli iscritti alla Lav in Friuli Venezia Giulia? Oggi a Udine non c'è più, a Gorizia non c'è, a Trieste c'è una sola persona e a Pordenone l'ultradecennale Iemmi. Intanto, stando agli ultimi rumor della terza commissione parrebbe che il primo a chiedere all'assessore Riccardi di cancellare la proposta dell'obbligatorietà dei microchip sia stato il collega Piero Camber, uomo fidatissimo della deputata e coordinatrice regionale Sandra Savino, nemica numero uno di Massimiliano Fedriga e Matteo Salvini.

Responsabilit� dell'utente

Ogni opinione espressa dai lettori attraverso i commenti agli articoli � unicamente quella del suo autore, che si assume ogni responsabilit� civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere "Il Perbenista" manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato. Tutti i contributi testuali, video, audio fotografici da parte di ogni autore/navigatore sono da considerarsi a titolo gratuito.
Lascia un commento Sei Umano?

Scrivici a:

perbenista@gmail.com
PUBBLICITÀ