il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
PARENTOPOLI IN MARILENGHE AL TEATRI STABIL FURLAN

IL CACCIATORE DI UCCELLI

Il Presidente di Federcaccia Fvg Paolo Viezzi riempe il suo profilo Facebook di invettive contro gli animalisti e invita i suoi colleghi cacciatori a non avere alcuna pietà per alcun genere di animale; anzi di molti ne suggerisce la degustazione anche a crudo. In suo post del 2017, scritto in occasione della sua partecipazione al Gay Pride di Udine, equipara l'orgoglio di essere gay a quello di essere cacciatore. Ma cosa può accomunare la sensibilità e i timori di un'omosessuale a quella di un cacciatore? Ecco il testo letterale di Viezzi (vedi foto): "Friuli pride, Gay pride, Cacciatore pride quando la dignità la tolleranza ed i diritti sono veramente oltre i confini anche dell'ipocrisia. Qualche tempo fa un amico mi confidava d'aver avuto a ridire con un'insegnante per aver quest'ultima ripreso il figlio per un compito di disegno ove il bambino aveva descritto una scena di caccia. Il piccolo tornato a casa avvilito, alle carezze del padre, aveva confidato le dure parole della maestra sulla descrizione del suo sentirsi parte del mondo:"è uno schifo"..."è un'immagine innaturale", "violenta", "segno di un'insensibilità che è anche inciviltà". "Com'è possibile papà che quello che sei, la tua dolcezza, la premura verso di me, i tuoi insegnamenti, siano il marchio di una diversità tanto colpevole? Io ho compreso la consistenza della terra seguendoti, il rompersi quieto del buio, l'ineluttabilita' dell'istinto, della vita e della morte. Seguendoti, papà, ho assecondato la mia natura, ho sentito i tuoi sentimenti ed ho imparato a vivere. Perché tutto questo la maestra non lo vede ? Perché non tollera la mia pelle di cacciatore, la mia natura di cacciatore il mio essere intimamente tale...? Quel mio amico senza rabbia e senza tristezza ha preso il fucile, lo zaino, il cane e rivolgendosi al piccolo Pierpaolo gli ha detto: abbi sempre l'orgoglio di te ed ora andiamo a caccia, il bosco ci aspetta. Ieri Pierpaolo, suo padre, quella stessa maestra ed io eravamo tutti a Udine al pride, solo io, il mio amico e suo figlio però eravamo al gay pride, al Friuli pride, al cacciatore pride..."