**
  • Home > Gossip > MICIO ROSSO: RESTANO I DUBBI E LA TAGLIA DI 500 EURO
  • stampa articolo

    MICIO ROSSO: RESTANO I DUBBI E LA TAGLIA DI 500 EURO

    1661A

    Una taglia per trovare il killer del gattino ucciso con una fucilata

    Il 6 giugno scorso, a Moggio Udinese, una bambina di 10 anni perse il suo gatto, trovato morto non lontano da casa. Inizialmente si pensò visto il foro sul corpo del micio ad un colpo di fucile, poi dopo l'invio all'istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie si escluse l'arma da fuoco e ci si orientò verso una freccia o qualcosa del genere. Per scovare il responsabile di questo disumano gesto, Il Perbenista, decise di porre una taglia da 250 euro a chi avrebbe saputo fornire il nome certo del killer di Moggio. "Uccidere con un colpo di fucile un innocente gattino è un gesto che va punito fermamente - spiegammo su Facebook-. Se chi usa il fucile crede di essere nel Far West merita di essere giustiziato doppiamente". Alcuni giorni dopo la taglia venne raddoppiata a 500 euro grazie all'intervento del parlamentare di Fratelli di Italia Walter Rizzetto, ma ad oggi ancora non è stato fatto alcun passo in avanti spiega il sindaco di Moggio Udinese. Come è possibile che quello che sembrava un caso semplice in una frazione di poche anime come Overdasso e ricco di cacciatori non sia stato ancora risolto? Per quale ragione i Carabinieri restano abbottonati nel fornire spiegazioni chiarificatrici su un caso talmente banale. Solo pochi mesi fa, il sindaco di Moggio Udinese, Giorgio Filaferro apparve nelll'elenco dei firmatari di un accordo candidati alla Regione Fvg - Federcaccia Fvg, in cui veniva garantita la massima attenzione dei politici al movimento in cambio del sostegno elettorale. Un altro quesito non torna. Come è possibile che il dirigente regionale del servizio veterinario pubblico Manlio Palei, responsabile del benessere animale, non sia a conoscenza della vicenda e non abbia attivato una rete di sicurezza contro tali gesti, quando il corpo del micio rosso venne consegnato proprio all'Istituto di Zooprofilassi di Campoformido il cui consiglio di amministrazione è presieduto dallo stesso Palei? Perchè ad oggi non si è voluta comunicare la reale causa del decesso del gatto ma ci si limita a parlare di un foro? Intanto la taglia di 500 euro per quanti siano in grado di fornirci notizie utili sul responsabile della morte del micio rosso resta ancora valida.



Responsabilit� dell'utente

Ogni opinione espressa dai lettori attraverso i commenti agli articoli � unicamente quella del suo autore, che si assume ogni responsabilit� civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere "Il Perbenista" manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato. Tutti i contributi testuali, video, audio fotografici da parte di ogni autore/navigatore sono da considerarsi a titolo gratuito.
Lascia un commento Sei Umano?

Scrivici a:

perbenista@gmail.com
PUBBLICITÀ