**
  • Home > Gossip > LA FOLLIA DEL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE DI UDINE
  • stampa articolo

    LA FOLLIA DEL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE DI UDINE

    1633A

    Renzo Bonn (vedi foto) è direttore del DSM dell'Azienda Sanitaria Universitaria Integrata Udine. Presso una struttura a carattere residenziale gestita dall'Azienda Sanitaria fino ad un paio di giorni fa abitavano due fratelli con problematiche psichiatriche. Da quanto ci è stato riferito da alcuni collaboratori del dottor Bonn solo uno dei due era ufficialmente titolato ad abitarci, l'altro, noto per la sua violenza, non lo era. Violento a tal punto da essere stato più volte arrestato e portato in carcere. A seguito di varie segnalazioni per maltrattamenti di animali il servizio veterinario pubblico ha, di concerto con il DSM, fatto un'ispezione è trovato molti animali nell'abitazione sommersa da escrementi. (Già qui ci domandiamo, come mai, assistenti sociali o sanitari, prima dell'ispezione, avessero autorizzato l'ingresso di molti animali nella struttura e soprattutto non evitato tale sporcizia) Solo a questo punto il fratello titolato ad abitare nella struttura è stato trasferito in un'altra struttura, mentre quello non titolato e violento, con vari precedenti penali, è stato abbandonato a se stesso libero di girare in città ed ubriacarsi. Abbiamo chiesto spiegazioni in merito al dott. Renzo Bonn che ci ha risposto con una mail molto generica, rifiutando di entrare in particolari e di fornire elementi che potessero tranquillizzare l'opinione pubblica e tutelare cittadini e lo stesso "violento con problemi psichiatrici". Bonn scrive con vanto: "Le persone in carico ai servizi di salute mentale sono tutte soggetti di diritti e doveri al pari di tutti i cittadini. Forse diversamente da altri luoghi, nel nostro DSM e nella nostra Regione questo aspetto è un presupposto sostanziale delle nostre pratiche. Da questo punto di vista, come tutti i cittadini le persone in carico al DSM, nella loro maggioranza, convivono con i loro familiari in base al reciproco accordo in questo senso e non per decisione di terzi. Rispetto ad animali o a qualunque altra attività, come ogni cittadino, sono tenuti a rispettare leggi, norme e regolamenti. Nella stragrande maggioranza, in quanto soggetti di diritto gestiscono personalmente le proprie risorse. Per quanto attiene alle persone sottoposte a tutela, questa condizione non discende dalla legge 180/78 poi assorbita nella 833/78 (cosiddetta  legge Basaglia), ma è regolata dal codice civile che prevede, per alcune tipologie di disabilità (non necessariamente e non solamente psichiche), le forme ed i livelli di capacità per cui vengono presi dalla Magistratura  provvedimenti nell'interesse delle stesse persone. Rispetto a tali provvedimenti le persone seguite dal nostro DSM sono pochissime. Per quanto attiene la domiciliarità vi è una maggioranza di persone che vivono per conto proprio, con i loro familiari o con altre persone di loro gradimento. Per la minoranza di persone che sono ospitate in strutture a carattere residenziale, si tratta di modalità assistenziali che non prevedono vincoli diversi da quanto sopra chiarito. La presenza eventuale di personale di assistenza si dà all'interno di programmi specifici concordati con le persone, costruiti su loro bisogni specifici e nel pieno rispetto dei loro diritti e doveri. Da questo punto di vista ad esempio il nostro DSM ha in carico circa 4000 persone, nella quasi totalità in abitazioni extra istituzionali. Circa 70 persone sono ospiti in appartamenti con assistenza di varia intensità, rispetto ai loro bisogni nell'area della socialità, mentre i bisogni di carattere sanitario restano in carico all'Azienda Sanitaria".

Responsabilit� dell'utente

Ogni opinione espressa dai lettori attraverso i commenti agli articoli � unicamente quella del suo autore, che si assume ogni responsabilit� civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere "Il Perbenista" manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato. Tutti i contributi testuali, video, audio fotografici da parte di ogni autore/navigatore sono da considerarsi a titolo gratuito.
Lascia un commento Sei Umano?

Scrivici a:

perbenista@gmail.com
PUBBLICITÀ