il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
MAZZETTE IN SICILIA, COINVOLTA EURO&PROMOS DI SERGIO BINI

SAVINO REGALA A GOTTARDO JR UN POSTO A BRUXELLES

Confermata la nomina, resta il mistero di chi l’abbia voluta. Le indiscrezioni che da giorni Il Perbenista sta pubblicando si sono rivelate vere: Gottardo junior, figlio d’arte della politica sacilese, prenderà il posto del padre al Comitato delle Regioni di Bruxelles. Solo che non è stato ancora pubblicato il nome di chi abbia voluto, proposto e votato un nome che sta già creando malumori a destra e sinistra. Alberto Gottardo, il figlio, percepirà poco meno di 400 euro forfait a seduta come rimborso spese. Prenderà il posto lasciato libero un mese fa dal padre Isidoro, ex deputato, ex consigliere regionale, ex sindaco ed ex consigliere comunale di Sacile. Si scopre oggi che Gottardo junior aderirà al Partito popolare europeo. Il PPE è formato da Forza Italia, Alternativa Popolare (gli ex alfaniani di cui Gottardo padre è stato coordinatore regionale) e l’Udc. Significa che Forza Italia ha voluto questa successione padre – figlio in Europa? Perchè se così fosse gli elettori azzurri avrebbero qualcosa da ridire nei confronti dei vertici del partito, a cominciare dalla coordinatrice regionale Sandra Savino già traballante per l’affaire Romoli e la debacle elettorale. A Sacile lo scontro per le amministrative di un mese fa si è, infatti, consumato proprio tra Alberto Gottardo e una formazione di Forza Italia capeggiata da Carlo Spagnol. Senza esclusioni di colpi. Per gli amanti della statistica, la delegazione italiana a Bruxelles è formata da 24 componenti scelti da tutti i consigli comunali d’Italia (circa 8.000), regionali e provinciali. I papabili all’incarico sono, quindi, centinaia di migliaia in tutto il Paese. Sarebbe interessante che l’ANCI nazionale, che ha voluto Gottardo junior al Comitato delle Regioni, chiarisse su quali basi logiche e di fatto la scelta sia caduta proprio sul figlio del componente uscente piuttosto che su qualcun altro.