il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
MAZZETTE IN SICILIA, COINVOLTA EURO&PROMOS DI SERGIO BINI

I GLADIATORI AZZURRI RICCARDI, DALMAS, SAVINO E ROMOLI

Prima le elezioni politiche, poi le regionali e le amministrative udinesi. Tre lunghi mesi di campagna elettorale in cui nel centrodestra spesso sono saltati i nervi a causa di un gruppo di soliti guastatori che ha lavorato per indebolire la coalizione. Alla fine la candidatura a governatore di Massimiliano Fedriga avvallata da un passo indietro di Forza Italia che successivamente ha rinunciato anche al sindaco di Udine cedendo il posto a Pietro Fontanini ha dimostrato un gran senso di responsabilità. Purtroppo le battaglie personali di qualche singolo hanno reso spesso il clima teso ma alla fine è emersa la soluzione migliore: un ticket Fedriga Riccardi avvallato in più pubbliche occasioni tanto da Silvio Berlusconi che da Matteo Salvini. Un mix di carisma ed esperienza. Per la stessa ragione per cui Forza Italia ha ceduto il posto di governatore alla Lega, potrebbe cedere la poltrona di vice presidente qualora ad arrivare seconda al voto del 29 aprile dovesse essere Fratelli di Italia o una delle civiche a supporto, ma le possibilità appaiono aluanto remote. Se per oltre un mese Forza Italia ha potuto portare avanti una dignitosa campagna elettorale facendo arrivare in Regione e a Udine tanti deputati azzurri come lo stesso Silvio Berlusconi, (vedi foto) Alberto Tajani, Maristella Gelmini, Anna Bernini, Renato Brunetta, Maurizio Gasparri, e tanti altri è stato grazie all'impegno costante della coordinatrice regionale Sandra Savino, del capogruppo di Forza Italia Riccardo Riccardi e del Senatore Franco Dalmas. Una colonna storica del partito si è confermato Ettore Romoli disponibile a contarsi alle prossime regionali e a catturare il solito favore e consenso. Sicuramente questo partito ha fatto vari errori, dalla comunicazione ai responsabili territoriali, spesso nominati come prestanomi di altri. Una cosa, tuttavia è certa: il peso dei partiti si conterà dopo il voto e a quel punto ciascun gruppo regolerà i conti in casa propria.