il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
PARENTOPOLI IN MARILENGHE AL TEATRI STABIL FURLAN

NOVELLI DA ANIMALISTA A RAPPRESENTANTE DI FORMAGGI

Ormai non stupisce più la coerenza e l'etica del neo deputato di Forza Italia Roberto Novelli (vedi foto), che ieri sera assieme al consigliere regionale Roberto Marin si è scagliato contro Il Perbenista per averli accomunati nello scandalo dei documenti fatti firmare da Federcaccia a vari candidati consiglieri. Roberto Novelli che per anni si è dichiarato animalista ed ha raccolto voti grazie a campagne di informazioni contro la caccia e lo sfruttamento animale, ieri ha pensato bene di accompagnare una folta pattuglia di deputati di Forza Italia, in visita in Friuli Venezia Giulia, in una grossa azienda produttrice di formaggi. Come dire che, una volta nominato in Parlamento, non ha più bisogno del sostegno del mondo animalista e vegano. Ma quale il punto? La questione etica che si pone relativamente ai formaggi, se si è vegetariani per scelta animalista, si riassume in una parola: caglio. Questo enzima trasforma la caseina (proteina del latte) ed è alla base della preparazione di tutti i formaggi, con l’eccezione di alcuni preparati freschi. Il caglio però, fin dall’antichità, viene estratto dallo stomaco di ovini, caprini e talvolta maiali. Il latte-ovo-vegetariano che rifiuta prodotti derivati dalla macellazione animale ha due possibilità: puntare sul tofu o cercare formaggi tradizionali ma fatti con caglio vegetale oppure microbico: il primo viene estratto da parti verdi o fiori di alcune piante (per esempio fico, cardo o Cynara Cardunculus) il secondo è estratto da una muffa e ha il vantaggio di essere molto più economico, infatti è spesso usato nella produzione industriale. «Dal punto di vista nutrizionale non c’è differenza tra caglio chimico e animale - commenta Andrea Ghiselli -. Oggi l’industria offre molte alternative, certo si deve trattare di prodotti non contraffatti e e identificabili». Trovare formaggi e latticini con caglio microbico non è difficile anche nella grande distribuzione: per individuarli basta leggere l’etichetta.