il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
CLICCA SUL BANNER IN BASSO DI VIDEOTELEBLOG

PERBENISTA ASSALITO E MINACCIATO DA NOVELLI E MARIN

Sta per cominciare il comizio di Silvio Berlusconi e i big sono già tutti seduti in prima fila. Se il buongiorno si vede dal mattino lo si intuisce dall'aver dovuto fare la coda per entrare al Palamostre invece che accedere come tutta la stampa per una fila a se stante. Ma questo va bene. Ciò che invece ha dell'incredibile è l'assalto del neo deputato azzurro Roberto Novelli e del consigliere regionale Roberto Marin (vedi foto) a suon di insulti e minacce. Vengo accusato di aver strumentalizzato il documento firmato da vari consiglieri regionali a favore di Federcaccia Fvg. La mia replica nonostante le urla di insulti è che suona strano, molto strano che Roberto Novelli (dopo anni di proclami da animalista brambilliano) sostenga in consiglio regionale Pieralberto Felettig nonostante la sua firma apposta al documento pro Federcaccia Fvg. Ecco allora alzarsi in piede e scattare come un isterico il consigliere Roberto Marin, coinvolto nella lunga inchiesta sul crac dell'Ospizio Marino di Grado. Non accetta di essere considerato fra i possibili firmatari del documento di Federcaccia Fvg benchè conosciuto come un noto appassionato di caccia. Poi telefona al suo amico Paolo Viezzi, presidente di Federcaccia Fvg, per cercare di dimostrare la sua estraneità al documento ma non lo trova (guarda caso però lo conosce). Sembra finire tutto quando Marin minaccia di picchiarmi e si fa "trattenere" dall'amico Ettore Ribaudo. Scene da Gomorra a di poco. Marin dichiara di essere incensurato, di avere il casellario giudiziario pulito e i carichi pendenti nulli. Tuttavia se la parte penale è andata in prescrizione quella civile ha condannato l'ex cda dell'Ospizio Marino (fra cui Marin) a versare sei milioni e settecentomila euro al commissario liquidatore del Tribunale. In serata il consigliere regionale Marin ha inviato un sms ad un suo collega per chiedere di telefonarmi per diffidarmi dal parlare male di lui. Nessun problema, dopo questa aggressione se ne parlerà nelle dovute sedi. Assalire fisicamente un giornalista non è un gesto degno di chi vuole governare una regione o sedere in parlamento. Tacere nel merito non è un gesto da leader.