il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
IL VICE PRESIDENTE DE LA QUIETE SMASCHERA IL DIRETTORE GENERALE GUARNERI

BUFERA SUL DOCUMENTO DI SCAMBIO PRE ELETTORALE

Ad insorgere contro il patto del diavolo fra Federcaccia Fvg e alcuni candidati al consiglio regionale non sono solo gli animalisti, ma anche gli stessi cacciatori e candidati al consiglio regionale che giudicano "imbarazzante, vergognoso e disononesto" il contenuto di un simile documento. Parole dure quelle del direttore della Riserva di Caccia di Venzone e presidente del distretto venatorio di Tarvisio, Valerio Pituelli: "Chi ambisce ad essere eletto in consiglio regionale deve capire che diventa un rappresentante del popolo e non dei cacciatori; i cacciatori in questa regione rappresentano meno dell'1% della popolazione complessiva. Ma quello che maggiormente mi riferisce è constatare come questo accordo pre elettorale squalifichi il mondo venatorio che passa per ingenuo e disonesto". Pituelli, assieme ad atri suoi colleghi, ricorda che nelle settimane scorse si sono tenute diverse assemblee di Federcaccia Fvg comunicate tramite whatsapp e in quelle assisi il presidente Paolo Viezzi (vedi foto) forniva indicazioni di voto politico e di singole preferenze, come poi si è capito vedendo i politici firmatari. Intanto sembrano essere stati depositati alcuni esposti per verificare se si intraveda il reato di voto di scambio fra Federcaccia Fvg e i firmatari dell'accordo, ossia i candidati consiglieri regionali: Gianbattista Turidano (Fdi), Giorgio Filaferro (Progetto Fvg), Paolo Urbani (Udc), Carlo Candido (Pd), Roberto Sabbadini e Elia Vezzi (Forza Italia), Stefano Mazzolini, Elia Miani e Lorenzo Tosolini (Lega Nord), Giorgio Ret, Giuseppe Sibau e Valter Santarossa (AR). Vedi post precedente.