il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
VIDEOTELEBLOG - IL NUOVO CANALE YOUTUBE DEDICATO ALLE INCHIESTE

REGIONE FVG: LA SANZIONE DISCIPLINARE FA CURRICULUM

Vi ricordate i nostri approfondimenti su una dipendente regionale della Direzione della cultura, Elena Mengotti in Piazzi titolare per lungo tempo di posizione organizzativa, che alcuni anni fa, quando collaborava con l'allora dirigente Pino Napoli (vedi foto), aveva affidato alla Exist della cognata Francesca Piazzi l'incarico delle traduzioni instituzionali della Regione Fvg, incarico che fece discutere perché affidato ad una ditta priva del curriculum e delle caratteristiche di alta professionalità necessarie a svolgere tale incarico? Vi ricordate che era emerso che la società della cognata aveva un oggetto sociale che non c’entrava nulla con il servizio? Vi ricordate che la stessa dipendente regionale aveva affidato servizi regionali chiedendo all’affidatario di procurarsi direttamente due preventivi più cari per ottenere l’incarico? Vi ricordate che il titolare della società era indagato e che ai soggetti indagati la Regione non può affidare incarichi?

http://www.ilperbenistafvg.it/articolo.aspx?art_id=3335&cat=0

http://www.ilperbenistafvg.it/articolo.aspx?art_id=3338&cat=0

Vi ricordate che la medesima dipendente regionale nel marzo 2016 ha ricevuto una sanzione disciplinare di sospensione dal servizio per dieci giorni (ne parlavano tutti i palazzi regionali e ci fu confermato da un'importante dirigente). Ebbene in questi giorni nelle graduatorie per le progressioni di carriera è risultata tra i vincitori, quindi è passata di livello/di qualifica. Ci si chiede: “una sanzione disciplinare pari a 10 giorni di sospensione dal servizio” non inficia il rendimento e il conseguente giudizio? Oppure, qualcuno ha ignorato volutamente la sanzione (su cui peraltro nel palazzo si cerca di tenere la massima segretezza)? Poi ci si stupisce dell’inefficienza del pubblico, ma se vengono promossi questi soggetti qualcosa non funziona come dovrebbe. C’è da stupirsi anche del fatto che su tutto ciò la Corte dei Conti – che dovrebbe garantire la correttezza della spesa pubblica – non abbia mai messo mano …