**
  • Home > Gossip > CARLANTONI ANTI UTI PRO UNIONI COMUNI MONTANI
  • stampa articolo

    CARLANTONI ANTI UTI PRO UNIONI COMUNI MONTANI

    1436A SCARICA PDF

    La domanda sorge spontanea; Renato Carlantoni non ha capito che per una vita ha caldeggiato un progetto analogo a quello delle Uti che si chiamava Unione di Comuni Montani oppure ha voluto indossare la maschera del sindaco libero per farsi campagna elettorale in vista delle regionali? Renato Carlantoni, paladino dei sindaci liberi e anti Uti, nella seduta del Consiglio Comunale Tarvisiano del 26 febbraio 2013 (ascolta video dal minuto 10 al minuto 25) asserisce la necessità di aderire alle Unione Montane. Analoga posizione la si può riscontrare leggendo (vedi Pdf allegato) la lettera inviata il primo luglio 2010, all'allora governatore Renzo Tondo, con oggetto: "Disegno di legge sulle Unioni di comuni Montani". Scrive testualmente nella prefazione: "In via preliminare si ritiene che la proposta di nuovo assetto del territorio, trattandosi di importante e strategica iniziativa, non possa lasciar fuori una parte del territorio regionale (dove la frammentazione dei comuni è comunque sempre evidente, come
    nel territorio montano); si chiede, quindi, che la proposta di legge si estenda a tutto il Friuli Venezia Giulia, considerando ovviamente il rapporto del numero degli abitanti, molto più congruo in pianura". E' il 7 agosto 2012 quando sul Messaggero Veneto (vedi foto) appare l'articolo: "Unione dei Comuni: c'è Tarvisio & Co. primi in Fvg":

     TARVISIO. L’Unione montana della Valcanale e Canal del Ferro è la prima, in ordine di tempo, ad aver definito il proprio statuto. I sei sindaci, Renato Carlantoni, Alessandro Oman, Isabella De Monte, Gianfranco Sonego, Luigi Marcon, Sergio Chinese, rispettivamente dei Comuni di Tarvisio, Malborghetto-Valbruna, Pontebba, Dogna, Chiusaforte e Resia, nonché il rappresentante delle minoranze consiliari eletto, Boris Preschern, da mesi lavorano insieme alla stesura del documento che andrà a delineare le caratteristiche e le dinamiche fondamentali all’interno della costituenda unione

      I primi cittadini sono giustamente orgogliosi del lavoro svolto, che evidenzia il loro senso di responsabilità nel delegare importanti funzioni all’unione, dimostrando, nel contempo, di aver compreso appieno lo spirito della legge regionale 14/2011, mirata a riorganizzare gli enti montani con l’obiettivo di rendere più efficienti ed efficaci i servizi al cittadino

     In questa area, va detto lo spirito collaborativo e la mentalità “di vallata” erano presenti già da tempo, basti pensare all’Associazione intercomunale Val Canale che da oltre cinque anni permette ai Comuni di Tarvisio, Malborghetto e Pontebba di gestire congiutamente una serie di funzioni.

      L’Unione montana della Val Canale e Canal del Ferro è l’unica ad affacciarsi su due confini internazionali e proprio in virtù dell’importanza di questa prospettiva, l’unione mira a ottenere la delega della gestione delle politiche comunitarie da parte dei Comuni. Le funzioni delegate obbligatoriamente saranno invece la gestione dei rifiuti solidi urbani, lo sportello unico delle attività produttive, edilizia scolastica e diritto allo studio, i servizi finanziari, contabili e tributi, il personale, l’e-government, l’ufficio espropri, il canile e il macello comprensoriali, il servizio affissioni e pubblicità.

    A queste si aggiungono la gestione della polizia municipale e le funzioni di valenza sovra-comunale come le politiche energetiche, il turismo, le attività culturali e di valorizzazione dei beni culturali. Nei singoli Comuni, che continueranno ad approvare i loro bilanci per le loro comptenze, rimarranno gli sportelli dell’Imu, patrimonio e finanze. L’unione si estenderà su un territorio di 716 chilometri quadrati, con una popolazione di quasi 10 mila persone, un territorio davvero vasto, se si considera anche che la quasi totalità dei Comuni componenti amministravano un territorio di gran lunga superiore a quello del Comune di Trieste. Gli uffici centrali dell’unione, infine, saranno dislocati nella sede dell’ex Comunità montana di Pontebba.

     

     

     

     

     

     

     

Responsabilit� dell'utente

Ogni opinione espressa dai lettori attraverso i commenti agli articoli � unicamente quella del suo autore, che si assume ogni responsabilit� civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere "Il Perbenista" manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato. Tutti i contributi testuali, video, audio fotografici da parte di ogni autore/navigatore sono da considerarsi a titolo gratuito.
Lascia un commento Sei Umano?

Scrivici a:

perbenista@gmail.com
PUBBLICITÀ