il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
FORGARIA: PIERLUIGI MOLINARO NELLA BUFERA

UGO SINDACO CONTRO ASSESSORI E DIRIGENTI DI SINISTRA

Un noto esponente politico di Forza Italia mi ha chiesto la disponibilità a candidare sindaco di Udine; da tempo il tormentone "Ugo sindaco" (vedi foto) lo aveva colpito positivamente cogliendone il vero significato: "oggi vi è tanto amore per un cane quanta sfiducia verso la classe politica". La mia risposta fu sincera ma provocatoria: "Accetto ma solo se la lista dei dieci assessori la dichiariamo al primo turno e la facciamo con volti nuovi e competenti; insomma senza cencelli". Idea ovviamente cassata. Perchè se è vero che il centrodestra a Udine sta dando un pessimo spettacolo candidando un plurivitaliziato di Campoformido ed un abile politico di sinistra sponsorizzato da Ferruccio Saro, è anche vero che Enzo Martines ha inserito nomi di persone stimate ma ultra ottantenni piuttosto che una serie di rappresentanti di categorie o di interessi che tradotto in inglese potrebbero essere definiti lobbisti della sinistra. Una sinistra che caldeggia l'ospitalità verso i più deboli che arrivano da fuori Italia ma si scorda dei veri deboli italiani, cioè bambini, anziani e malati non ha nulla di sinistra ma tanto di sistema cooperativistico. E poi, ciò che maggiormente inquieta nella candidatura di Enzo Martines è l'assoluta certezza che con lui non cambierà assolutamente nulla rispetto questi ultimi dieci anni di giunta Honsell. Lui parla di discontinuità, ma non può esserci alcuna discontinuità senza cambiare il grosso degli assessori di peso ed i principali dirigenti. Come può Martines affermare di rappresentare una discontinuità da Honsell dopo essere stato il suo braccio destro, il suo vice sindaco per cinque anni? Insomma, questa battaglia per la conquista di Udine, dopo oltre venti anni di "sistema di sinistra" può assolutamente essere vinta dal centrodestra ma candidando una "squadra nuova e capace" e azzerando completamente i vertici politici che hanno portato la coalizione a questa imbarazzante ed incredibile situazione. Il nome del sindaco di Udine non può e non deve essere deciso ne a Trieste nè a Pasian di Prato o Castions, ma solo ed esclusivamente a Udine. Un nome da proporre in mente Il Perbenista lo ha; resta da capire se accetterebbe...