**
  • Home > Gossip > FORZA ITALIA: "SINDACI LIBERI" DI TRADIRE RICCARDI
  • stampa articolo

    FORZA ITALIA: "SINDACI LIBERI" DI TRADIRE RICCARDI

    1393A

    Dopo il clamoroso errore della non candidatura di Riccardo Riccardi a governatore del centrodestra, Forza Italia si sta accingendo ad un secondo errore, per certi aspetti, dalle conseguenze ancora più gravi: la sua esclusione dalla lista del partito. Nel primo caso a remare contro Riccardi sono stati alcuni statisti convinti, cuascuno, di portare a casa un proprio nome di bandiera. Nel secondo caso, invece, ad assumersene la responsabilità sarà un gruppo di sindaci (vedi foto) azzurri della provincia che temono di soccombere davanti ad una candidatura del capogruppo uscente in consiglio regionale. Riccardi, confidando in una sua candidatura a governatore non era stato inserito nella lista di Forza Italia lasciando spazio ad una debole e autorefenziata pattuglia di sindaci liberi "di tradire" il proprio leader. Successivamente la base forzista e molti autorevoli amministratori rimasti in carica ha chiesto a Riccardo Riccardi di guidare come capolista la lista regionale di Forza Italia, consci che avrebbe avuto un notevole valore aggiunto. A chiedere a Riccardi un suo impegno diretto anche molti esponenti politici della altre province oltre che lo stesso Renzo Tondo e gli alleati della coalizione. Purtroppo nessuno dei candidati inseriti in lista ha fatto il nobile gesto di rinunciare alla propria candidatura per lasciare il posto a Riccardi che, a questo punto, ha "signorilmente" deciso di non candidare per evitare malunori fra gli avidi aspiranti. A incupire maggiormente la base la comunicazione che il simbolo di Forza Italia non solo dovrà rinunciare al suo capitano Riccardo Riccardi ma dovrà anche perdere la propria identità, marchiandosi con il simbolo dell'Udc al centro del logo. Operazione questa che permetterà al sindaco uscente di gemona, Paolo Urbani, di essere eletto nel collegio dell'alto friuli a discapito del forzista ex primo cittadino di Tarvisio, Renato Carlantoni. Tutto ciò accade, anche, per merito del coordinatore provinciale Ferruccio Anzit, nominato grazie al partito presidente della Socialteam srl.

  • Commenti

  • Nessuno ha rinunciato alla proposta di candidatura al posto di Riccardi... Neppure Tondo che lo aveva proposto pochi giorni prima... la conferma che Tondo prima dice una cosa e poi ne fa un'altra... E voi volete uno così a capo della nostra Regione. Votatevelo. Commento inviato il 19-03-2018 alle 13:39 da anonimo
  • Forza Italia rischia di essere senza identità! A tal punto che fa un accordo (a quale pro?) con una sigla politica vecchia ed elettoralmente (oggi) inesistente ... l’UDC. Io ed altri ci siamo sempre impegnati per il CDX ed oggi scopriamo che candidati alle regionali saranno l’ex sindaco Urbani (UDC) e Lirutti (vicesindaco Tavagnacco giunta di sinistra)!? Stupefacente ... trasformismo di uno (Lirutti) e dell’altro (FI). Ci prendiamo uno che per anni è stato contro di noi, è stato punto di riferimento di Franco Jacop e di Giorgio Baiutti solo perché ha fiutato che Bolzonello ha forti possibilità di perdere? Perché non ha abbandonato la giunta di Tavagnacco due o tre anni fa, in tempi non sospetti ? Perché, dobbiamo con la nostra lista e voti premiare uno di sinistra per farlo magari presidente della III commissione? Possibile che FI ha bisogno di questo tipo di persone ? Urbani ha già un posto in giunta come si vocifera? Carlantoni brinderà? Non potrebbero diventare due voltagabbana? Barillari docet ? Perché Lirutti (ex infermiere e dirigente sociologo) non si mette in competizione con la sua “compagna” di sinistra Silvestro (infermiera, dirigente infermieristica, ex presidente collegio nazionale infermieri ed ex senatrice PD)? Teme di bruciarsi le piume? Fate di tutto per indebolire Riccardi. A questo punto noi votiamo Lega! Commento inviato il 19-03-2018 alle 00:10 da La voce della coscienza
  • Nessuno di questi personaggi in foto ha cercato di difendere la candidatura di Riccardi, tanto a loro bastava esser certi di esser candidati. Esser poi eletti con Marin, DeAnna, Tondo o Pippo è cosa secondaria. Spero che Forza Italia li lasci a piedi come loro hanno lasciato a piedi Riccardi. Anzit? Esegue solo gli ordini. Poi dicono che qualcuno in particolare ha avuto la possibilitá di induviduarsi persino i candidati da mettersi a fianco... giusto per non farsi male a vicenda e per blindare ancor di più la propria elezione. Con le primarie metá di questi starebbero in lista, ma di attesa!!! Commento inviato il 18-03-2018 alle 21:50 da Anonimo

Responsabilit� dell'utente

Ogni opinione espressa dai lettori attraverso i commenti agli articoli � unicamente quella del suo autore, che si assume ogni responsabilit� civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere "Il Perbenista" manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato. Tutti i contributi testuali, video, audio fotografici da parte di ogni autore/navigatore sono da considerarsi a titolo gratuito.
Lascia un commento Sei Umano?

Scrivici a:

perbenista@gmail.com
PUBBLICITÀ