il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
ESCLUSIVO: SCOPPIA SANITOPOLI FVG: TUTTI I NOMI

FORZA ITALIA: "SINDACI LIBERI" DI TRADIRE RICCARDI

Dopo il clamoroso errore della non candidatura di Riccardo Riccardi a governatore del centrodestra, Forza Italia si sta accingendo ad un secondo errore, per certi aspetti, dalle conseguenze ancora più gravi: la sua esclusione dalla lista del partito. Nel primo caso a remare contro Riccardi sono stati alcuni statisti convinti, cuascuno, di portare a casa un proprio nome di bandiera. Nel secondo caso, invece, ad assumersene la responsabilità sarà un gruppo di sindaci (vedi foto) azzurri della provincia che temono di soccombere davanti ad una candidatura del capogruppo uscente in consiglio regionale. Riccardi, confidando in una sua candidatura a governatore non era stato inserito nella lista di Forza Italia lasciando spazio ad una debole e autorefenziata pattuglia di sindaci liberi "di tradire" il proprio leader. Successivamente la base forzista e molti autorevoli amministratori rimasti in carica ha chiesto a Riccardo Riccardi di guidare come capolista la lista regionale di Forza Italia, consci che avrebbe avuto un notevole valore aggiunto. A chiedere a Riccardi un suo impegno diretto anche molti esponenti politici della altre province oltre che lo stesso Renzo Tondo e gli alleati della coalizione. Purtroppo nessuno dei candidati inseriti in lista ha fatto il nobile gesto di rinunciare alla propria candidatura per lasciare il posto a Riccardi che, a questo punto, ha "signorilmente" deciso di non candidare per evitare malunori fra gli avidi aspiranti. A incupire maggiormente la base la comunicazione che il simbolo di Forza Italia non solo dovrà rinunciare al suo capitano Riccardo Riccardi ma dovrà anche perdere la propria identità, marchiandosi con il simbolo dell'Udc al centro del logo. Operazione questa che permetterà al sindaco uscente di gemona, Paolo Urbani, di essere eletto nel collegio dell'alto friuli a discapito del forzista ex primo cittadino di Tarvisio, Renato Carlantoni. Tutto ciò accade, anche, per merito del coordinatore provinciale Ferruccio Anzit, nominato grazie al partito presidente della Socialteam srl.