**
  • Home > Gossip > RUMIZ DIMENTICA MEDIOCREDITO E LECCA LA SERRACCHIANI
  • stampa articolo

    RUMIZ DIMENTICA MEDIOCREDITO E LECCA LA SERRACCHIANI

    1343A

    Quale etica e quale deontologia spinge un grande giornalista come Paolo Rumiz ad arrivare alla pari dell'attore di fiction Sebastiano Somma, a girare in questi giorni uno spot elettorale (vedi foto) a favore di Debora Serracchiani e del Pd? Cosa ancora più grave è l'aver atteso i giorni del silenzio e della riflessione per invadere i social network con la sua lecchinata. Questo il testo del video messaggio di Paolo Rumiz: "Avreste dovuto vederla la piccola Serracchiani arrampicarsi per i rioni di periferia con la bora a 100; è andata in posti che i politici non frequentavano da venti anni. La voto per questo e la voto perchè ha lavorato tantissimo come presidente della Regione e perchè è l'unica persona che mi può convincere a votare Pd in questo momento di grandi delusioni". Il 28 aprile 2015 in conferenza stampa di Mediocredito, l’assessore regionale al bilancio Francesco Peroni, braccio destro della Serracchiani, lanciò un duro attacco al “Il Piccolo” sulle presunte difficoltà economiche che l’inchiesta di Paolo Rumiz aveva denunciato. L’assessore Francesco Peroni dichiarò: "Gli attacchi fondati su dati impropri hanno prodotto danni patrimoniali ingenti, che dobbiamo quantificare: il danno fatto a una banca pubblica ricade su tutti i cittadini, primi azionisti di Mediocredito”. Il riferimento era alla campagna di stampa lanciata dal quotidiano «Il Piccolo» e seguita dal «Messaggero Veneto» che attraverso 12 domande poste dal giornalista Paolo Rumiz, prefigurava una situazione pre-fallimentare dell’istituto di credito regionale“. L’assessore ha anche aggiunto che la giunta regionale: “…non prende lezioni di trasparenza, tanto che a poche settimane dal nostro insediamento, abbiamo condizionato qualsiasi scelta sul futuro di Mediocredito al percorso new diligence e trasparenza. Dunque i dati sui crediti deteriorati erano stati diffusi da mesi nelle sedi pubbliche: bastava attingere a fonti ufficiali, o volendo ricorrere ad altre fonti, passarle al vaglio di doverose verifiche, che non pare siano state effettuate”.

  • Commenti

  • ... rumiz ... che delusione .... Commento inviato il 04-03-2018 alle 18:29 da njlfcjase

Responsabilit� dell'utente

Ogni opinione espressa dai lettori attraverso i commenti agli articoli � unicamente quella del suo autore, che si assume ogni responsabilit� civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere "Il Perbenista" manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato. Tutti i contributi testuali, video, audio fotografici da parte di ogni autore/navigatore sono da considerarsi a titolo gratuito.
Lascia un commento Sei Umano?

Scrivici a:

perbenista@gmail.com
PUBBLICITÀ