il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
VIDEOTELEBLOG - IL NUOVO CANALE YOUTUBE DEDICATO ALLE INCHIESTE

ECCO LA CLASSE DIRIGENTE POLITICA IN FVG

Riccardo Riccardi, Claudio Violino, Renzo Tondo, Sandra Savino e Tommaso Cerno: un gruppo di amici (vedi foto) prima dell'arrivo del ciclone Serracchiani. Durante la giunta Tondo, Cristiana Compagno era Rettrice e Ferruccio Saro parlamentare. Da quel giorno nessuno dei politici è uscito dalla vita pubblica per tornare a quella privata. Anzi; chi era fuori è stato attratto dalle sirene. Cristiana Compagno è diventata presidente di Mediocredito e Tommaso Cerno candidato in un collegio blindato per il Senato in quota Pd. Claudio Violino cacciato dalla Lega Nord dopo aver sostenuto la giunta Serracchiani ora è un autonomista. Il plurivitalziato Pietro Fontanini che non compare in foto era ed è Presidente della Provincia e in questi giorni si è candidato a sindaco di Udine per la Lega Nord. Riccardo Illy si era da poco allontanato dalla scena politica, mentre un paio di giorni fa si è presentato nel collegio maggioritario di Trieste. Sandra Savino e Renzo Tondo hanno strappato un biglietto per Montecitorio mentre Riccardo Riccardi lotta contro il trivitaliziato Ferruccio Saro per candidarsi a governatore; il rischio sarebbe che Massimiliano Fedriga il giorno dopo la sua rielezione in Parlamento si dimetta per candidarsi alla guida della Regione Fvg. Nel Pd le cose, Cerno a parte, non vanno molto meglio, anzi. Enzo Martines che era vice sindaco, decise di correre per le regionali, poi una volta diventato consigliere regionale ha deciso di candidarsi a sindaco di Udine. Franco Iacop dopo tre mandati in consiglio regionale ha convinto il Pd a farlo candidare al Senato ma quando ha visto che il seggio non sarebbe stato blindato si è affrettato a chiedere a Sergio Bolzonello la deroga per un quarto giro a Palazzo Oberdan. Debora Serracchiani prima europarlamentare e poi Governatrice, visti i pessimi sondaggi ha chiesto un seggio blindato a Roma, assieme a Ettore Rosato al quarto mandato in Parlamento.