**
  • Home > Gossip > CNS PRENDE LE DISTANZE DA COOPSERVICE SUL CASO BINI
  • stampa articolo

    CNS PRENDE LE DISTANZE DA COOPSERVICE SUL CASO BINI

    1267A

    "Da quanto tempo Euro & Promos non fa più parte di Consorzio Nazionale Servizi? E' "normale" che come riferitoci dalla Regione Fvg CoopService chieda di subappaltare a Euro & Promos? Avete dichiarazioni in merito?" - e' questo quanto abbiamo chiesto al direttore del Consorzio Nazionale Servizi con sede a Bologna e a Roma. Questo pomeriggio, l'ufficio comunicazione del Consorzio Nazionale Servizi, ci ha inviato la seguente mail di risposta: "Una volta appresa la notizia della trasformazione di Euro & Promos da società cooperativa per azioni in società per azioni, constatato quindi il venir meno dei requisiti di ammissione della società al Consorzio Nazionale Servizi, il CNS previo confronto e succesiva presa d'atto dell'Azienda Sanitaria Universitaria di Trieste, procedeva alla sostituzione di Euro & Promos nell'esecuzione dell'appalto aggiudicato da tale Amministrazione, affidando la relativa quota a Coopservice Soc. Coop. p.a., con decorrenza dal 01 novembre 2017. Successivamente Coopservice Soc. Coop. p.a. presentava autonoma istanza di autorizzazione al subappalto. Tale operazione risulta distinta e separata da quella di sostituzione originariamente compiuta da CNS e, con tutta evidenza, riconducibile ad autonome scelte imprenditoriali di Coopservice Soc. Coop. pa".  -------------------------------------

    (Post precedente di lunedì 5 febbraio 2018) - Protagonisti di questa nostra inchiesta giornalistica sono tre colossi del mondo delle cooperative e l'Azienda Sanitaria Universitaria Integrata di Trieste. A monte di tutto, un A.T.I. - Global Service Economale. Mandataria dell'Ati è la Coopservice S. Coop. di Reggio Emilia assieme a Servizi Italia Spa di Castellina di Soragna (Pr) e il Consorzio Nazionale Servizi di Bologna. Come potete vedere dall'immagine (vedi foto documento) la Coopservice Soc. Coop., a distanza di tempo dall'aggiudicazione, chiede la possibilità di subappaltare parte delle attività di pulizia e sanificazione dell'Azienda Ospedalieria Triestina. Il dott. Giovanni Maria Coloni, direttore della S.C. Logistica e servizi economali degli Ospedali Riuniti di Trieste con protocollo n°0003857/P del 24/01/2018 nega la possibilità di subappalto scrivendo: "Si riscontra con la presente la nota della Coopservice Soc. coop. sopra emarginata, assunta dal protocollo generale di questa Azienda in data 27/12/2017 al num. 0067000-A, ed avente ad oggetto istanza di subappalto di parte delle attività di pulizia e sanificazione.....Tenuto quindi conto delle puntuali indicazioni di legge, spiace comunicare che non si ravvisano allo stato i presupposti per procedere all'autorizzazione del subappalto richiesto nell'istanza in oggetto: si osserva, altresì, in ogni caso, la particolare rilevanza della richiesta, atteso che l'istanza riguardava una parte significativa delle attività di pulizia e sanificazione, che a loro volta costituiscono una delle attività principali oggetto del contratto di global service economale." Entriamo adesso nel vivo della vicenda, facendo un passo indietro, per capire come si sia giunti a questo stato dei fatti. A far parte del Consorzio Nazionale Servizi al momento della costituzione dell'ATI vi era anche la Euro & Promos Coop. di Sergio Emidio Bini. Consenguentemente alla recente trasformazione della Euro & Promos da Cooperativa a Spa, il Consorzio Nazionale Servizi ha dovuto obbligatoriamente deliberare la fuoriuscita dal Consorzio della società friulana. Da qui, la richiesta, della mandataria Coopservice Coop. di Reggio Emilia di poter subappaltare i lavori fino a quel momento eseguiti dalla Euro & Promos Coop alla "stessa" Euro & Promos Spa. Ma quale modello etico spinge dei colossi del mondo delle cooperative a far uscire dalla porta una Spa per farla rientrare dalla finestra e per quale ragione compie questa scelta inopportuna? Cosa sarebbe successo qualora questa richiesta inviata all'Azienda Sanitaria Universitaria Integrata di Trieste fosse giunta solo qualche mese dopo se Sergio Emidio Bini (Leader della lista Progetto Fvg) dovesse diventare governatore della  Regione Fvg o comunque componente della giunta regionale?

Responsabilit� dell'utente

Ogni opinione espressa dai lettori attraverso i commenti agli articoli � unicamente quella del suo autore, che si assume ogni responsabilit� civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere "Il Perbenista" manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato. Tutti i contributi testuali, video, audio fotografici da parte di ogni autore/navigatore sono da considerarsi a titolo gratuito.
Lascia un commento Sei Umano?

Scrivici a:

perbenista@gmail.com
PUBBLICITÀ