il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
DUBBI SUI CONTROLLI DEL DIRETTORE DI DISTRETTO UDINESE CANCIANI

VETO DI FEDRIGA SU RICCARDO RICCARDI A GOVERNATORE FVG

In consiglio regionale non si parla di altro e i telefoni sono tutti bollenti; riunioni su riunioni, incontri su incontri con un occhio al televideo e alle agenzie Ansa. La notizia di queste ultime ore che ha scatenato un vero putiferio, proprio mentre si stavano completando le attribuzioni dei collegi in vista delle politiche è stato il veto della Lega Nord, tramite Massimiliano Fedriga, alla candidatura di Riccardo Riccardi a Governatore del Friuli Venezia Giulia. I segretari regionali hanno fatto le valige e sono partiti immediatamente nei quartieri generali nazionali per cercare di capire qualcosa di più. La Lega Nord si sarebbe spinta oltre, a detta di alcuni consiglieri forzisti indignati, e avrebbe chiesto alla Savino un trio di nomi alternativi a quello del capogruppo in consiglio regionale azzurro. Una delle ipotesi che circola è il nome del sindaco di Cividale Stefano Balloch su cui pende un problema giuridico: può candidare alla presidenza della regione un sindaco oppure è soggetto alla stessa norma (teoria maggioritaria) che vieta la sua candidatura come consigliere regionale? L'ipotesi più caldeggiata da Autonomia Responsanbile è riproporre il nome di Renzo Tondo, affidando a Riccardi la vice presidenza con un ampio pacchetto di deleghe e alla coordinatrice Savino la delega al bilancio. Ultima ipotesi, ma considerata impercorribile, il nome di Sergio Bini, sponsorizzato da Ferruccio Saro. A fare il tifo per il siluro a Riccardi è il consigliere regionale Valter Santarossa, mentre a difendere a spada tratta Riccardi sarebbero tutti gli azzurri presenti in consiglio oltre a Alessandro Colautti .