il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
ESCLUSIVO: SCOPPIA SANITOPOLI FVG: TUTTI I NOMI

SERRACCHIANI - GASPARIN: DUBBI ETICO CONFLITTUALI

La Quiete si allarga: domani il passaggio dell'area dell'ex Ospedale militare

L'iter di sdemanializzazione della zona dell'ex ospedale militare di Udine a favore de La Quiete è realtà. Oggi alle 13 nel Salone del Popolo a Palazzo D'Aronco, la presidente della Regione, Debora Serracchiani (Pd), il Direttore Regionale dell'Agenzia del Demanio Pierluigi Di Blasio e il presidente de La Quiete, Stefano Gasparin (Pd), alla presenza del sindaco del capoluogo friulano, Furio Honsell e dell'assessore regionale Mariagrazia Santoro (Pd), hanno siglato il verbale  di consegna dell'area da parte dell'Agenzia del Demianio alla Regione e, da quest'ultima, all'azienda pubblica per i servizi alla persona La Quiete. Tutto a titolo gratuito. L'Asp La Quiete di via Sant'Agostino si allargherà, dunque, nei vecchi spazi inutilizzati dell’ex caserma Reginato, acquisendo un totale di circa 11.200 metri quadrati di superficie, fra parcheggi e palazzine. A febbraio la giunta Honsell aveva già approvato la variante al Piano regolatore per destinare l'area demaniale in zona destinata a servizi sanitari. Lo storico passaggio permetterà, con la riqualificazione dei prossimi anni, di abbatere molti muri di cinta, di riaprire l’antica corte di San Valentino - posta fra via Pracchiuso e via Diaz -, di creare nuovi posti letto e di aumentare la qualità dei servizi da offrire al cittadino. Il presidente della Quiete Stefano Gasparin, oltre ad essere da tempo dirigente del Pd udinese lavora nell'Ufficio di Gabinetto della governatrice Serracchiani. Il dott. Stefano Gasparin (vedi foto), dirigente locale del Pd udinese, risulta dipendente della Regione Fvg nel ruolo di funzionario categoria D. Nonostante le richieste fatte all'ufficio personale non siamo riusciti a capire in cosa consista la qualifica di "Coordinatore" riportata sul sito della Regione stessa, ma sappiamo che in virtù di tale incarico dovrebbe percepire un'indennità aggiuntiva al suo stipendio. Per i dipendenti regionali, sia a tempo pieno che part-time, vi è una specifica disciplina del pubblico impiego che limita fortemente il tipo di incarichi per quanto riguarda le incompatibilità.  Ad esempio, in attuazione delle norme del Dlgs 165 del 2001, per la Regione Fvg, con Dpreg 421 del 2005, è stabilito che NON possono essere autorizzati incarichi che (art.2 incompatibilità): A) generano conflitto di interessi con le funzioni svolte dal dipendente o dalla struttura di assegnazione; B) vengono effettuati a favore di soggetti nei confronti dei quali il dipendente o la struttura di assegnazione svolgono funzioni di controllo o vigilanza; C) vengono effettuati a favore di soggetti nei confronti dei quali il dipendente o la struttura di assegnazione svolgono funzioni relative al rilascio di autorizzazioni o concessioni o all'erogazione di finanziamenti. Ebbene, nonostante la normale generalità dei termini, il presidente della Quiete, Stefano Gasparin, è il coordinatore dell'ufficio di gabinetto della giunta regionale. Infine, sarebbe interessante capire come mai il dipendente categoria D, Stefano Gasparin, abbia il posto riservato alla sua auto negli spazi per le auto istituzionali e dei direttori del piazzale d'ingresso al Palazzo di Via Sabbadini. Direttore generale de La Quiete è il dott. Salvatore Guarnieri, ai vertici della società che gestisce le Terme di Grado, ex presidente di Villa Russiz ed amministratore del Sanatorio triestino. Certi di una cortese ed immediata risposta a questi quesiti, da parte della pubblica ammistrazione regionale, ringraziamo quanti ci hanno segnalato queste "anomalie della casta", pronti a pubblicare eventuali nostri errori o inesattezze.