il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
IL VICE PRESIDENTE DE LA QUIETE SMASCHERA IL DIRETTORE GENERALE GUARNERI

TONTONELLO, IL PETOMANE E LA DEMENTE ALLA CORTE DI ILLY

La situazione all'interno del Pd regionale è drammatica; tutti contro tutti, non esiste un minimo di squadra e di collaborazione, ma solo l'intento personale dei singoli di tentare di sopravvivere. Mai una legge elettorale fu tanto autolesionista come questa, che non per nulla prende il nome dal triestino Ettore Rosato in procinto di fare il quarto mandato a Montecitorio, dopo aver perso tutte le competizioni maggioritarie, prima con Scoccimarro e successivamente con Dipiazza. Debora Serracchiani sogna già le vacanze romane seduta dietro la Vespa di Mitja Gialuz. Ad attenderli per le prime passeggiate nella capitale il codirettore de La Repubblica Tommaso Cerno, spesso accompagnato dal sindaco di Cividale Stefano Balloch, possibile candidato alla Camera, perchè "grazioso", selezionato direttamente da Gianni Letta, dopo un primo cast con Marcello Dell'Utri. Lontano da Trieste Ettore e Debora potranno vivere con maggiore stupore la batosta che subirà il Pd alle imminenti regionali. Sergio Bolzonello ci crede da anni; dice di attendere solo il via libera ufficiale per iniziare la sua campagna elettorale, ma a contendergli il posto di futuro capogruppo dell'opposizione in apparenza c'è anche Franco Iacop (vedi foto in un faccia a faccia). Una mascella da duro, delle scarpette di Prada da tenero, soprannominato da Gianfranco Moretton il "petomane di Reana". A dire il vero i soprannomi affibbiati dall'ex vice presidente della giunta Illy ai big del Pd sono molteplici; si va da Tontonello per Sergio Bolzonello, alla Demente per la europarlamentare di Pontebba fino alla capra per una figura apicale del Pd. Ben venga un pò di ironia ogni tanto in una Regione così malinconica. Le vera sorpresa di queste ore tuttavia è un'altra. Iacop starebbe solo fingendo di essere in pista con il compito di destabilizzare ulteriormente Bolzonello per poi giungere alla necessità di trovare un terzo nome di mediazione su cui da Francesco Russo a Bruno Malattia fino allo stesso Iacop tutti stanno facendo pressing: Riccardo illy.