**
  • Home > Gossip > BLASONI CANDIDA SINDACO UN PENSIONATO RAZZISTA
  • stampa articolo

    BLASONI CANDIDA SINDACO UN PENSIONATO RAZZISTA

    946A

    Per qualunque manifestazioni politica il pubblico e la location delle grandi occasioni di Massimo Blasoni rimane invariato: Palazzo Kechler, sede della Sereni Orizzonti, con i suoi 90 posti a sedere di fedelissimi. Ciò che sfugge, questa volta, al vice coordinatore regionale di Forza Italia è che a parlare di Udine non può chiamare amministratori di altre realtà. L'invasione dei visitors avrebbe detto il famoso Sergio Cecotti. Ecco allora schierati quanti non devono essere a lavoro perchè, per lo più, vivono di politica: A. Pozzo (Pasian di Prato), F.Anzit, F. Baritussio (Tarvisio), M. Giau (Rivignano), M.Zanor (Martignacco), F. Mattiussi (Aquileia), P. Fontanini (Campoformido), M. Bordin (Palazzolo dello Stella), F. Scoccimarro (Trieste). I grandi assenti sono i pezzi da novanta della coalizione annunciati, in buona parte, fra l'altro proprio di Udine; il segretario nazionale Padano Massimiliano Fedriga, la coordinatrice regionale azzurra Sandra Savino; manca il deputato di Fratelli di Italia Walter Rizzetto, manca il capogruppo di Forza Italia Riccardo Riccardi, manca il capogruppo Ncd Alessandro Colautti e il consigliere regionale di Autonomia Responsabile Giovanni Barillari. E così Blasoni divide il palco (vedi foto) con lo sconosciuto Ferruccio Anzit, Ugo Falcone e il civico Loris Michelini. Blasoni dopo aver promesso che Forza Italia sarebbe stata in grado di esprimere un candidato sindaco competitivo, un giovane libero professionista, un moderato della società civile arriva senza proposte; i partiti rassegnati smettono di bluffare ed ammettono che il candidato prescelto dall'imprenditore autore di "Privatizziamo" sarà il pluri vitaliziato presidente della provincia di Udine Piero Fontanini (Lega Nord). Un uomo residente da sempre a Campoformido, località di cui fu anche primo cittadino. Già presidente della Regione Fvg, già deputato e già senatore, attualmente presidente della Provincia di Udine, Fontanini si candiderebbe sindaco di Udine a 65 anni. Nel frattempo Fontanini, in compagnia del suo vice Franco Mattiussi, continua a percepire l'indennità di Presidente della Provincia pur essendo rimasto da mesi privo di deleghe e personale. Al congresso del carroccio Fontanini tuonò contro le unioni civili affermando "Gli omosessuali non sono una famiglia. Qui crediamo nella famiglia naturale». L’ha fatto perché «anche qui - ha sottolineato - abbiamo visto manifesti con due persone dello stesso sesso che dicevano di essere tipicamente friulani, no quelli non sono tipicamente friulani». Ma fece molto discutere anche una sua affermazioni in merito ai disabili: "I disabili nella scuola? Ritardano lo svolgimento dei programmi scolastici, più utile metterli su percorsi differenziati”. Nel 2016 Piero Fontanini, insegnante in aspettativa da sempre, pensò bene, invece, di offendere gli insegnanti meridionali : “I meridionali sono sempre stati generosi come quantità di insegnanti abilitata. Noi invece cerchiamo di applicare correttamente le norme; laggiù sono meno seri".  

  • Commenti

  • ...giau...però a rivignano ti votano... Commento inviato il 03-07-2017 alle 11:18 da Anonimo
  • @Commento inviato il 02-07-2017 alle 13:30 da Anonimo udinese: solo uno su tre? Peccato... io darei a tutti la possibilita' di tornare nei luoghi natii... Lo farei primo emendamento costutuzionale!!! Il mondo andrebbe meglio! Commento inviato il 02-07-2017 alle 18:08 da al di codroipo
  • Su tre insegnanti in Friuli, almeno uno è venuto dal Sud, e chiede quanto prima di ritornare nella sua regione: non si può negare che questo sia un problema per le nostre scuole. Il razzismo non c'entra proprio. Commento inviato il 02-07-2017 alle 13:30 da Anonimo udinese
  • È la legge Madia? Non esiste più per loro? Commento inviato il 30-06-2017 alle 21:34 da La solita
  • Fontanini sempre meglio di Honsell e di qualsiasi candidato kompagnosky. Se lo candidano vince di sicuro! Commento inviato il 30-06-2017 alle 13:07 da al di codroipo
  • complimenti per aver rievocato la scandalosa storia degli studenti disabili. Qualche notiziola sulle esclursioni istituzionali del presidente della provincia in sud america? anche in canadà mi sembra. Foresto per foresto: fedriga è foresto! Commento inviato il 30-06-2017 alle 12:52 da cassie
  • La scelta è la migliore. Fontanini ha esperienza e capacità. Forse è la volta buona che Udine passa al centrodestra, purtroppo l'anomalia udinese è nota. Quasi tutti i notabili udinesi hanno fino ad oggi appoggiato il centrosinistra, rendendosi quasi conto del male che hanno fatto solo oggi. Fortunatamente la prossima campagna elettorale sarà effettuata sopratutto nelle periferie, dove la gente è incazzata e chiede risposte semplici, prima fra tutte l'equiparazione degli italiani agli immigrati. E' una richiesta semplice, basta privilegi ai migranti e che vengano equiparati agli italiani. O vanno a lavorare oppure non si possono più mantenere. Commento inviato il 30-06-2017 alle 12:33 da Anonimo
  • Non entro nel merito del tuo intervento..... ma è necessaria una mia precisazione. Caro Marco ci conosciamo da parecchio tempo, ma evidentemente non mi conosci abbastanza anche se te l'ho detto mille volte. Sono nato a Udine e per 20 anni ho scritto nelle mie generalità "nato a Udine e ivi residente in via...." negli ultimi 8 anni ho cambiato residenza spostandomi di un chilometro, ma entrando in comune di Pasian di Prato (frazione Passons) per poche centinaia di metri. Politicamente sono stato iscritto alla sezione del MSI di Udine e ora al circolo di Fd'I di Pasian di Prato (ci si iscrive nel comune di residenza). In gioventù, quando ero residente con i miei genitori a Rivignano (45 anni fa) ho frequentato le scuole medie a Udine alla Ellero e in collegio al Toppo W. e poi le superiori al Marinoni..... nel 95 ci siamo conosciuti e frequentati alle comunali di udine sostenendo (assieme anche a Blasoni) Silvana Olivotto che se fosse stata eletta sindaco mi avrebbe visto anche come consigliere comunale eletto con lei. Quando ti sei candidato alle politiche (io nel frattempo mi ero ritirato) nel collegio di Udine con Prodi sono anche venuto a firmare per te e poi per amicizia ti ho anche votato (anche se politicamente avrei dovuto votare la controparte)...... quante volte ci siamo incontrati per Udine per caso e ci siamo fermati (sempre) a chiacchierare o a bere un aperitivo? Pensi che uno di Rivignano possa permettersi di essere ogni giorno a Udine? Se fossi stato ad abitare a Rivignano e Udine non mi riguardasse ieri non sarei mai venuto a quella riunione nemmeno se mi convocava il Papa in persona....... Esigo solo per me delle scuse per la discriminante "non udinese" che mi hai affibbiato perchè Udine è la mia prima città per essere nato, aver vissuto e aver frequentato le scuole dell'obbligo..... la mia seconda città è Venezia per aver fatto l'università là e la terza è Roma per aver svolto il servizio militare. Ma a Udine è dove sono stato gran parte del tempo dei 55 anni della mia vita. Commento inviato il 30-06-2017 alle 10:12 da GIAU

Responsabilit� dell'utente

Ogni opinione espressa dai lettori attraverso i commenti agli articoli � unicamente quella del suo autore, che si assume ogni responsabilit� civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere "Il Perbenista" manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato. Tutti i contributi testuali, video, audio fotografici da parte di ogni autore/navigatore sono da considerarsi a titolo gratuito.
Lascia un commento Sei Umano?

Scrivici a:

perbenista@gmail.com
PUBBLICITÀ