**
  • Home > Gossip > VACILLA IL TAVOLO E BLASONI RISCHIA DI FARSI MALE
  • stampa articolo

    VACILLA IL TAVOLO E BLASONI RISCHIA DI FARSI MALE

    944A

    Basta andare su uno dei profili Facebook di Massimo Blasoni (vedi foto) per capire, dalle fotografie postate e dalle informazioni riportate, che il vice coordinatore regionale di Forza Italia si vergogna del suo incarico politico o, comunque, vuole tenerlo coperto. Mai un cenno a Forza Italia, ma sempre riferimenti alla sua importante attività imprenditoriale o al suo meno noto centro studi "Impresa Lavoro". Tuttavia se questa è l'immagine che vuole trasmettere a livello nazionale, in Regione ci tiene al ruolo di Imperatore assoluto di Forza Italia nella città di Udine. Ed è proprio a Udine che presso una delle prestigiose sedi della Sereni Orizzonti a Palazzo Kechler, Blasoni convoca i suoi tavoli del centrodestra. La Lega Nord che lo ha capito da tempo, invece che mandare l'on. Massimiliano Fedriga o il Presidente della Provincia Piero Fontanini, invia regolarmente Maurizio Franz che non ricopre incarichi significativi nel partito. Renzo Tondo, ancora più astuto e grande avversario in passato di Blasoni, delega a rappresentarlo il neo coordinatore cittadino del suo movimento invece del consigliere regionale udinese Giovanni Barillari. Stessa minestra per Fratelli di Italia che si appoggia su Ugo Falcone, segretario cittadino del movimento, ma evita di scomodare il deputato Rizzetto o il consigliere regionale Luca Ciriani. Tracce di civismo, dopo la candidatura del compianto Adriano Ioan sono poche e l'unico a seguire Blasoni è Loris Michelini convinto di essere il prossimo candidato sindaco del centrodestra. Lontani da Blasoni le categorie economiche e quelle professionali. Fa in qualche modo tenerezza il capogruppo di Forza Italia Riccardo Riccardi, conscio perfettamente dell'isolamento politico di Blasoni e del rischio che la sua vicinanza potrebbe costargli la candidatura alla Regione Fvg, ma equilibri di partito gli impongono un sostegno di facciata. A questo punto se domani "il tavolo convocato da Blasoni" dovesse rivelarsi fragile, per il presidente della Sereni Orizzonti la candidatura come capolista alle prossime politiche potrebbe vacillare. Qualora, invece, Blasoni riuscisse a portare al tavolo nomi importanti della coalizione a vacillare sarebbe l'intero centrodestra dimostrandosi appiattito su una figura politica che la città di Udine ha bocciato ormai da venti anni.

  • Commenti

  • perfetta analisi del Perbenista. Manca solo un commento su Riccardi, voluto solo dai triestini ma non dai friulani. Commento inviato il 29-06-2017 alle 08:08 da zorro
  • Non c'è nessuno che si candida a destra? Intendo nessuno capace di cambiare, qualcuno di valido? Dobbiamo sperare in un commissario?? Commento inviato il 28-06-2017 alle 21:13 da Giovanni

Responsabilit� dell'utente

Ogni opinione espressa dai lettori attraverso i commenti agli articoli � unicamente quella del suo autore, che si assume ogni responsabilit� civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere "Il Perbenista" manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato. Tutti i contributi testuali, video, audio fotografici da parte di ogni autore/navigatore sono da considerarsi a titolo gratuito.
Lascia un commento Sei Umano?

Scrivici a:

perbenista@gmail.com
PUBBLICITÀ