il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
ESCLUSIVO: SCOPPIA SANITOPOLI FVG: TUTTI I NOMI

PERDONO LA FACCIA PER MANTENERE LA POLTRONA

A Roma sono i paladini dei rispettivi partiti ma in Friuli Venezia Giulia, la governatrice Debora Serracchiani (Pd) e il capogruppo leghista alla Camera dei Deputati Massimiliano Fedriga (vedi foto) rischiano di perdere la faccia per mantenere la poltrona. Allo stato attuale si ipotizza il voto politico per ottobre 2017 e quello amministrativo/regionale in Friuli Venezia giulia nella primavera 2018. Le opzioni sulle candidature come sempre le detengono i capi dei partiti, mai la base. Ecco allora che Debora Serracchiani con buona probabilità si candiderà alle politiche da governatrice in carica senza nulla rischiare; qualora (cosa impossibile perchè punterà al capolista bloccato) non dovesse essere eletta a Montecitorio, resterebbe comunque governatrice con tanto di poltrona e lauto stipendio. Analogo discorso, a ruoli invertiti, per il padano Fedriga diventato ormai un "sariano" e per questo sempre meno gradito all'elettorato del centrodestra. L'on. Massimiliano Fediga a ottobre si ricandiderà in Parlamento con la certezza assoluta della riconferma in qualità di capolista bloccato; poi eventualmente ad aprile 2018 potrebbe candidarsi a governatore del Friuli Venezia Giulia da parlamentare in carica. Qualora dovesse essere sconfitto, nessun problema: rimarrebbe in carica a Montecitorio per altri cinque anni e continuerebbe a percepire il suo solito stipendio. Che spettacolo avvilente per gli elettori privi di lavoro, precari e con pensioni da fame.