**
  • Home > Gossip > INNOVARE: IL PD SCARICA IL VICE SINDACO GIACOMELLO
  • stampa articolo

    INNOVARE: IL PD SCARICA IL VICE SINDACO GIACOMELLO

    874A

    Era il 16 gennaio 2015 quando, ad ascoltare l'omelia del vice sindaco Carlo Giacomello (Pd) e dei capogruppo del centrosinistra, c'erano il capogabinetto della giunta regionale Agostino Maio e l'onorevole Paolo Coppola, entrambi supinamente appoggiati alla porta (vedi foto). Giacomello si preoccupa solo di accusare e di minacciare, allle volte di deridere, opposizione e stampa locale. Alla pari del capogruppo di Innovare D'Este parla di macchina del fango e di metodo Boffo adottato contro di lui. Punta chiaramente il dito contro il "principale quotidiano locale". Afferma che il quotidiano ha scritto ben quindici articoli in appena nove giorni contro la sua persona. Qualche giorno dopo, il 25 gennaio 2015, Carlo Giacomello (Pd) ci ricasca e dopo il discusso sms inviato a Franco Soldati spunta, questa volta, una mail seriale inviata ad amici e amministratori del centrosinistra. Nella mail c'è un link che rimanda alla famosa scena finale del film con Steve Mcqueen, Papillon, in cui il protagonista dopo la fuga a bordo di una zattera urla "Maledetti bastardi sono ancora vivo"...curiosa (clicca icona video e ascolta) la voce fuori scena del narratore che dice "Papillon riuscì a salvarsi e per il resto dei suoi anni visse da uomo libero". La sera del consiglio comunale in cui il centrosinistra "salvò" il vice sindaco dalla mozione di sfiducia del centrodestra Giacomello in consiglio comunale citò un passo della Bibbia e poi al termine dei lavori andò con diversi colleghi di palazzo D'Aronco alla Pizzeria da Pippo. Fu lì, infatti, che Giacomello arringò i suoi commensali citando la frase "Maledetti bastardi sono ancora vivo" con un evidente riferimento a quanti avrebbero voluto sfiduciarlo. Il giorno dopo, raccontano alcuni destinatari della singolare mail, Giacomello fiero della citazione della sera precedente mandò una mail a molti amministratori del Pd e della lista Honsell, ringraziando per il supporto ottenuto e allegando, appunto il link (vedi Video allegato) della scena finale di Papillon. Arriviamo ai nostri giorni e sul Messaggero Veneto di oggi appare un altro duro attacco al vice sindaco Carlo Giacomello; questa volta perà a lanciare il siluro sarebbe la lista civica Innovare con Honsell: "Dire di evitare il passaggio in Consiglio Comunale sul friuli 2.0 rappresenta un regalo politico al centrodestra". Ma le sorprese per Papillon di Udine Sud non finiscono qui, perchè Innovare con Honsell ammette di aver criticato il modus operandi di Giacomello ma afferma che ad aver dato la ghiotta notizia alla stampa non è stato nessuno dei propri rappresentanti ma qualcun altro presente il giorno dell'incontro e quindi un esponente dello stesso Pd udinese interessato a far saltare una possibile candidatura del vicesindaco nel 2018 e qualunque ipotesi di continuità ad Honsell.

  • Commenti

  • Purtroppo non è colpa della sigla PD ma di chi lo rappresenta. Commento inviato il 28-04-2017 alle 17:12 da Da solo
  • che facce da fine mandato... Commento inviato il 24-04-2017 alle 19:48 da kattivik
  • Ma che titoli sono? Scarica qua, scarica la'...ma dai! Di piuttosto che il PD sta combinando solo disastri in fvg, sia in regione che a Udine! Commento inviato il 24-04-2017 alle 16:07 da Gigi

Responsabilit� dell'utente

Ogni opinione espressa dai lettori attraverso i commenti agli articoli � unicamente quella del suo autore, che si assume ogni responsabilit� civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere "Il Perbenista" manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato. Tutti i contributi testuali, video, audio fotografici da parte di ogni autore/navigatore sono da considerarsi a titolo gratuito.
Lascia un commento Sei Umano?

Scrivici a:

perbenista@gmail.com
PUBBLICITÀ