**
  • Home > Gossip > AI VERI RICCHI PIACE ONLUS; FRA BENEFICENZA ED EVASIONE
  • stampa articolo

    AI VERI RICCHI PIACE ONLUS; FRA BENEFICENZA ED EVASIONE

    870A

    La nascita delle associazioni onlus in Italia, negli ultimi anni, sta registrando un aumento davvero impressionate, infatti sono sempre di più le onlus che nascono ogni giorno. Il diritto ad associarsi e a riunirsi viene garantito dalla Costituzione italiana agli articoli 17 e 18, sempre nei limiti previsti dalla legge e in particolare dal codice penale.

    Prima di tutto è importante specificare che esistono due tipi di associazioni onlus che è possibile aprire, e sono rispettivamente quella riconosciuta e quella non riconosciuta. Il codice civile riconosce entrambe le forme, e rispettivamente agli articoli 14 e 36 e seguenti, ma naturalmente con delle differenze fondamentali, per quanto riguarda gli adempimenti amministrativi e di responsabilità patrimoniale delle associazioni. Le associazioni riconosciute godono di un autonomia patrimoniale perfetta, mantenendo a riparo da pretese dei terzi il patrimonio personale dei soci, mentre invece per quelle non riconosciute i soci rispondono di solito con i loro averi.

    In entrambi i casi per dar vita all’associazione onlus è necessario redigere l’atto costitutivo e lo statuto, ma con alcune differenze sostanziali, nel caso di un associazione non riconosciuta è sufficiente scrivere e compilare personalmente tutti i documenti, che di solito troviamo disponibili anche sui siti web del comune di appartenenza, mentre invece nel caso delle associazioni riconosciute sarà necessario rivolgersi ad un notaio per la stesura di un atto ufficiale.

    Inoltre lo statuto, insieme con la manifestazione della volontà degli associati, deve riportare la denominazione dell’ente, l’indirizzo della sede, gli scopi e le dotazioni patrimoniali conferite all’associazione per lo svolgimento della propria attività.

    In aggiunta, le associazioni riconosciute devono presentare la domanda di riconoscimento della personalità giuridica direttamente alla prefettura della provincia in cui è posta la sede dell’associazione, insieme con l’atto costitutivo e allo statuto. Successivamente verrà effettuato un controllo di legittimità nei confronti dell’associazione stessa.

    Infine è molto importante farvi presente che le associazioni onlus, hanno come unico scopo quello altruistico e quindi non economico, questo implica il divieto di dividere eventuali utili tra gli associati. Naturalmente questo divieto va esplicitamente indicato nello statuto e la sua mancanza comporterebbe l’appartenenza dell’associazione al mondo delle imprese. Però bisogna aggiungere che questa condizione non implica l’impossibilità di svolgere attività economiche utili al fine di finanziare la vita e la prosecuzione nel tempo dell’associazione stessa, purché  i soci non godano di tali profitti.

    Ma da dove arrivano i fondi che finanziano le varie Onlus, quale è la loro tracciabilità e veramente l'intero patrimonio è utilizzato per fini esclusivamente altruistici legati a quanto previsto dallo statuto? In Friuli Venezia Giulia ve ne sono diverse, alcune delle quali spiccano per identificazione con i soci fondatori. Il deposito della lista delle varie Onlus è reperibile presso l'Agenzia delle Entrate che ben conosce eventuali trucchi per evadere alla buona qualche spesuccia. Nel prossimo post vedremo quali sono le Onlus più importanti e chi le rappresenta legalmente (il più delle volte un commercialista di fiducia).

  • Commenti

  • http://www.regione.fvg.it/rafvg/cms/RAFVG/MODULI/bandi_avvisi/strutture/Finest_spa_per_Sprint_FVG/allegati/Contratto_Affidamento_Servizio_di_Comunicazione_2013_BIS.pdf L.R. N. 3 DEL 25 GENNAIO 2002 CUP H24C12000080002 CIG Z230788CDD CONTRATTO tra Società Finanziaria di Promozione della Cooperazione Economica con i Paesi dell’Est europeo - FINEST S.p.A.”, P. IVA 01234190930, con sede in Via dei Molini n.4, 33170 Pordenone, società soggetta all’attività di direzione e coordinamento da parte di “Friulia S.p.A. – Finanziaria Regionale Friuli-Venezia Giulia” con sede in Trieste, in persona del proprio Presidente ing. Renato Pujatti, (di seguito FINEST o Finest SpA) e?il Sig. Marco Belviso, nato a Udine il 27.05.1967 e residente a Udine in Via G. Bassi, 28 33100, codice fiscale BLVMRC67E27L483Y, di professione giornalista, responsabile relazioni esterne ed ufficio stampa e consulente in materia di comunicazione, partita i.v.a. 02563770300?(di seguito AFFIDATARIO) Commento inviato il 22-04-2017 alle 06:33 da Anonimo
  • Attenzione, c’è un bambino barbuto. Si chiama Marco Belviso e ha il vizio di fare la pipì fuori dal vaso. Pubblicato da Il Giornale del Friuli il 25/12/14 • nelle categorie Friuli-VG,Gli articoli del direttore Alberto di Caporiacco,Udine direttoreCi rincresce essere stati suoi amici e avere scambiato anche qualche confidenza, ma il lanciare il sasso e nascondere la mano non ci è mai piaciuto. E possiamo dire tranquillamente di non avere paura di niente e di nessuno, essendo pure stati in galera. Siamo tra l’altro consapevoli di dare troppa importanza a un avvenimento e a un blog tra l’altro assai poco aggiornato, se è vero che ha registrato 39 post pubblicati negli ultimi 59 giorni. Tuttavia siccome oggi Marco Belviso, referente di www.ilcorsarodellasera.it, si riferisce a noi, senza avere conigliescamente il coraggio di nominarci, riportiamo per intero il post che ci ha dedicato. Evidentemente a Marco Belviso dà fastidio che mi sia stato affidato un compito e che io stia cercando di portarlo a termine al meglio. A Belviso dà fastidio l’idea che io possa fare un casting e possa dimostrare di essere più bravo di lui, che conduce un seguitissimo talk show su una emittente regionale. Francamente non capiamo il perché. Sono problemi di Belviso al quale consigliamo caldamente di rivolgersi a un bravo psicoterapeuta. Qui di seguito il post pubblicato da Belviso al quale ha fatto seguito questo nostro commento: “Belviso, sei un coniglio, perché non pubblichi il mio nome?” Quanto alle ragazze da me contattate, se si ritengono molestate, vadano senza indugio in Procura a querelarmi. Tra l’altro il post è pieno zeppo di imprecisioni. Cita una emittente friulana con la quale il sottoscritto ha collaborato, realizzando cento puntate dell’apprezzata PUNTO DI SVISTA, ma con la quale – al momento – non c’è alcun tipo di accordo. Anche perché, al momento, la televisione in questione sta vivendo un difficile e impegnativo momento di trapasso tra vecchia e nuova gestione. Qui sotto il testo e, cliccando qui, il link originale. Giudicate voi. IL MOLESTATORE CHE ARRUOLA SU TELEFRIULI Ore 03.22 del 24 dicembre; alcune ragazze che collaborano con Il Perbenista Talk Show ricevono un messaggio seriale su Facebook da un giornalista friulano. Ecco il testo: “Ciao, ci sarà prossimamente un casting per un talk show da me condotto a Città Fiera e trasmesso in differita su Telefriuli. Se sei interessata rispondi”. Quando le ragazze declinano l’invito e chiedono come il “molestatore insonne” abbia avuto il loro contatto e da chi, ricevono ancora una volta una risposta seriale: “Sei stata segnalata; non puoi chiedermi da chi; io sono un giornalista e non posso rivelare le mie fonti di informazioni”. Ci auguriamo che il giornalismo sia altro e che soprattutto i contatti di lavoro, se tali sono, non avvengano la notte all’alba da fonti sconosciute. Oggi è Natale, vogliamo essere buoni e non pubblichiamo il nome del “molestatore insonne” ma conserviamo i messaggi originali. *** Ed eccolo qui il dialogo ritenuto da Belviso ‘molestante’. Dialogo su Facebook avvenuto tra il sottoscritto e la collaboratrice di Marco Belviso RABY NUVOLE (ammesso poi che il nome corrisponde all’anagrafe), controllare qui il suo profilo Facebook. Alberto di Caporiacco Ciao, ci sarà prossimamente un casting per un talk show da me condotto a Città Fiera e presumibilmente trasmesso in differita su Telefriuli. All’interno ci sarà un contest con sfilate. Se sei interessata rispondi. Raby Nuvole Ciao mi dispiace io lavora già per free come co conduttrice , grazie comunque per la proposta Alberto di Caporiacco bene, non importa, mi eri stata segnalata Raby Nuvole Da chi se posso ? Alberto di Caporiacco non puoi chiedermi questo, io sono un giornalista e non posso rivelare le mie fonti di informazione… scusami! Raby Nuvole Hahaha addirittura … Non ti ho chiesto niente di assurdo mi pare ma fa niente Alberto di Caporiacco scusami ma io sono cosi’ con tutte, non posso dire da dove mi vengono le segnalazioni evidentemente hai persone che ti stimano Raby Nuvole ok nessun problema, credo che non dormirò lo stesso Haha … Grazie comunque Che mi stimano addirittura Alberto di Caporiacco eh si, buona notte Raby Nuvole La ringrazio ancora .. Buona notte Alberto di Caporiacco buona notte ma dammi del tu *** Quanto a Belviso, è la stessa persona che nel 2010 promuoveva il gruppo Facebook IL PERBENISTA – 4 DITA SOTTO L’OMBELICO, dedicato al reclutamento di ragazze da fotografare. Da che pulpito viene la predica. A ciò si aggiunga che il coniglio Belviso, solito a scagliare il sasso nascondendo la mano, dopo averle prese dal sottoscritto di santa ragione, ha reso il proprio profilo Facebook invisibile al sottoscritto. Forse crede di poter continuare a diffamare impunemente le persone ritenendo che io non abbia la possibilità di leggere ciò che scriverà sul mio conto. Read more: http://www.ilgiornaledelfriuli.net/udine-cron/attenzione-ce-un-bambino-barbuto-si-chiama-marco-belviso-e-ha-il-vizio-di-fare-la-pipi-fuori-dal-vaso/#ixzz4epk0RDwT Commento inviato il 21-04-2017 alle 00:03 da Anonimo
  • Robin fast food mangje panins che al è miôr! Commento inviato il 20-04-2017 alle 15:40 da anonimo
  • BELVISO, sei un fenomeno anche le ONLUS sottendono il crimine. Solo il PERBENISTA è "puro e vergine", difende il POPOLO e conosce tutti i meandri della vita politica, di quella religiosa e socio-economica. Ma c'è ancora qualcosa che per il ... Giornalista BELVISO è incontaminato ? ? Ovviamente supportato da "Al di Codroipo" che ... al sa simpri dut. Ma per favore .............. Commento inviato il 20-04-2017 alle 11:30 da Robin Fast Food
  • com'e' cambiata la mentalita' degli imprenditori, commercianti e industriali friulani (ma anche italiani)...!! Se alla fine deglia anni 80 inizi 90, proponevi loro di associare l'immagine dell'azienda ad una onlus o comunque ad opere di beneficenza verso i piu' poveri e bisognosi ti ridevano in faccia perche' a quei tempi, fine yuppie, era inammissibile avvicinare la parola successo a insucesso/disgrazia/bisogno/poverta' ! I due mondi dovevano restare separati quasi che la fortuna se ne andasse se cominciavi a diventare "buono" ! Oggi che ridere... non c'e' praticamente imprenditore di successo che non voglia fare il filantropo! Sara' perche' c'e' qualche tornaconto economico e sociale? Due piccioni con una fava? Ovvio che si'!! Comunque meglio oggi di ieri! Commento inviato il 19-04-2017 alle 16:53 da al di codroipo

Responsabilit� dell'utente

Ogni opinione espressa dai lettori attraverso i commenti agli articoli � unicamente quella del suo autore, che si assume ogni responsabilit� civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere "Il Perbenista" manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato. Tutti i contributi testuali, video, audio fotografici da parte di ogni autore/navigatore sono da considerarsi a titolo gratuito.
Lascia un commento Sei Umano?

Scrivici a:

perbenista@gmail.com
PUBBLICITÀ