**
  • Home > Panda > INSIEL: CONROTTO, DIRETTORE GENERALE SENZA LAUREA
  • stampa articolo

    INSIEL: CONROTTO, DIRETTORE GENERALE SENZA LAUREA

    840A

    Da marzo 2017 Franco Conrotto (vedi foto) è il nuovo Direttore Generale di Insiel dove, dal novembre del 2015, ha il ruolo di Direttore Service Delivery & Operations, che manterrà in aggiunta al nuovo incarico. La carica gli è stata conferita dal Consiglio di Amministrazione con decorrenza da oggi, fino alla fine di aprile 2018. Insiel è un colosso di centinaia di dipendenti pubblici ed è interamente di proprietà della Regione Fvg. Il suo compito sarà quello di proseguire e portare a termine il percorso di trasformazione di Insiel descritto nel Piano Industriale 2014-2017 e di porre le basi per il nuovo Piano Industriale 2018-2020. Con un’esperienza quasi trentennale iniziata nel 1988 nel settore dello sviluppo software e proseguita nell’ambito di aziende di servizi dell'ICT, in particolare fino al 1998 ha lavorato presso ATOS dove ha ricoperto il ruolo di Business Unit Manager. Dal 1999 al 2014 ha lavorato per T-Systems Italia, società del gruppo Deutsche TeleKom ora acquisita da Engineering. "Siamo soddisfatti di questa nomina che - ha affermato il presidente di Insiel Simone Puksic, laureato in economia aziendale - riconosce l'esperienza e il valore di un dirigente interno alla società". Ma come mai la Regione, che vuole il rispetto delle leggi da parte dei comuni non aderenti all'uti infrange le leggi nelle nomine del direttore generale di INSIEL che non è laureato come vulole la legge http://www.funzionepubblica.gov.it/articolo/riforma-della-pa/01-09-2016/dlgs-dirigenza ?

  • Commenti

    345678
  • Conrotto se continua come ha iniziato andrà a sbattere contro un muro di granito e farà la fine della direttrice che lo ha fatto entrare in Insiel senza quel concorso per cui nin ha nemmeno i titoli. Se non sè ne andrà da solo sarà trattato dai dipendenti di Insiel come quelli che cerca di ghettizzare con la vergognosa, offensiva ed illegale griglia di valutazione per cui sarà chiamato a giudizio, assieme al CDA, non appena non avranno il culo parato da questa giunta. Commento inviato il 24-03-2017 alle 21:37 da Revenge Insiel
  • Disastro totale. Un CDA di persone prive di qualsiasi competenza su temi tecnologici ed informatici ha bruciato l'ultima chance di ripresa di Insiel. Bravi Panontin e Coppola che stanno tirando la volata elettorale a Puksic che però è senza speranze. M5S svegliatevi e cavalcate il malcontento della maggioranza dei dipendenti di Insiel e della pubblica amministrazione che gode dei disservizi offerti a costi improponibili sul mercato. Commento inviato il 24-03-2017 alle 20:17 da RSU incazzato
  • È avvilente quello che sta accadendo in Insiel e l'assoluta mancanza di una reazione da parte della Politica (anche di quella con la "P" maiuscola). Una azienda che dovrebbe essere il fiore all'occhiello delle strategie tecnologiche della Regione lasciate in mano a due persone con scarsissima, se non nulla competenza imprenditoriale. I curriculum si lasciano scrivere, sono i risultati della vita lavorativa che contano. Puksic proviene da una storia di declino del DiTeDi ed una serie di fallimenti imprenditoriali di cui lui stesso narra gli aneddoti; maniaco dei twitt più banali ed insignificanti, fa carriera solo grazie al PDR ed alla ignoranza che circonda i suoi interlocutori che lui sfrutta in maniera furbesca. Conrotto sollevato da una situazione di disoccupato milanese, come vuole la migliore tradizione, viene chiamato in Regione senza alcun titolo grazie alla totale inerzia di una classe politica (con la "p" minuscola) che non è nemmeno in grado di guardare alle eccellenze che ha in casa. Siamo certi che tutti i laureati della Regione, di Università in cui la laurea si guadagna frequentando i corsi e non fermandosi ai portoni di ingresso o nei corridoi, e gli imprenditori del comparto tecnologico si ricorderanno delle sciagurate scelte di questa giunta e degli onorevoli che le sostengono. Commento inviato il 24-03-2017 alle 19:02 da Imprenditore tech
  • Il commento di "ex professore" ha 3-4 errori in 3 righe... direi che forse un po' di studio di base aiuta, al di la della retorica della "università della vita". Commento inviato il 24-03-2017 alle 18:15 da kattivik
  • Per Anonimo delle 10:07: INSIEL è una azienda in house pagata esclusivamente da soldi dei contribuenti del Friuli Venezia Giulia. E' stata licenziata una Direttrice Generale con cui INSIEL ha toccato il fondo (ma sta continuando ad andare a picco per la totale mancanza di un governo competente) e al suo posto è stato messo chi lei ha fatto assumere senza alcuna selezione credibile. E' naturale che adesso costui le restituisca il favore rivalendosi su tutte le persone di INSIEL che lei pensa abbiano portato al suo licenziamento, motivato invece da manifesta incapacità strategica e gestionale. Costui, appena cambia il vento, fra non molto, dovrà tornare (forse) al suo posto e si troverà circondato da quelle stesse persone che lui costringe ad essere valutate con delle griglie di giudizie che sono una offesa all'intelligenza umana. Il presidente pensa solo alla sua carriera politica e usa INSIEL non per la realizzaizone della riforma degli EELL o della sanità, ma solo per il proprio futuro politico. Perchè il 118 continua a non partire? La Serracchiani, Panontin e Telesca pensino al casino che è stato fatto con questa sciagurata nomina del CDA le cui conseguenze le pagano i cittadini della regione. Commento inviato il 24-03-2017 alle 14:58 da Anonimo informato
  • Che vergogna. Che vergogna. E poi andate nelle scuole a parlare di merito, di digitale e di universita. Ma come fate a dire 'interno'. Che coraggio. Ma tutto il resto? Tutto come prima? Cacciata la signora per cosa? Non per la sua riorganizzazione disastrosa? Solo per giochi di potere allora? Commento inviato il 24-03-2017 alle 11:40 da giova
  • Insiel quando ha fatto comodo è stata equiparata a PA tant'è che i dipendenti hanno reso i soldi per la spending review. Quindi per questo stesso motivo Conrotto non doveva essere nemmeno assunto come dirigente visto che non ha i titoli previsti. Altrimenti se adesso va bene cosi che si ritornino i soldi ai dipendenti. Un po' di coerenza! Commento inviato il 24-03-2017 alle 11:03 da Anonimo
  • Perbenista, l'Insiel è una società, il direttore generale di una società non è un dirigente di una p.a. Commento inviato il 24-03-2017 alle 10:07 da Anonimo
  • con la laurea avete rotto!! averla conseguita non vuol dire nulla, Recenti articoli affermano che meta o quasi dei laureati recenti non sanno più scrivere correttamente in italiano. Quello che conta è saper fare in grazia anche dell'esperienza di lavoro precedenti, purtroppo l'Università dà molte conoscenze ma poco o nulla di collegamenti con il mondo dell'attività professionali Commento inviato il 24-03-2017 alle 09:50 da ex professore
  • Con queste nomine la Regione ha definitivamente affossato Insiel e spianato la strada anche ai Comuni che non rispettano le leggi regionali compresa quella sulle UTI. Siamo nel Far West. Lieri tutti. Grillo, pensaci tu. Commento inviato il 24-03-2017 alle 08:12 da Anonimo PD
  • Ma Puksic selo un mulo così cocolo. Selo del PDR come la compagna Debora e scrive sai bene i tuiits. No basta? Volemo lui anca Diretor General. Commento inviato il 24-03-2017 alle 00:01 da Anonimo
  • La coppia Puksic Conrotto è una nuova dimostrazione del grave digital divide che affligge la classe dirigente della regione e che sta sempre di più escludendo il FVG dai tavoli di lavoro nazionali sulle tecnologie che sicuramente non si lasciano influenzare dalla autoreferenzialita' dei personaggi e dagli innumerevoli e fanciulleschi tweet prodotti da Puksic che abbagliano solo gli imbecilli. Commento inviato il 23-03-2017 alle 23:46 da Anonimo
  • Da dipendente assunto con chiamata diretta della Direttrice Generale, recentemente silurata, a 80.000 euro all'anno a Direttore Generale a 110.000 euro all'anno. Chi ha scritto il curriculum del testo sa dove era il brillante Sig. Conrotto quando è stato assunto senza concorso in INSIEL? Il CDA Puksic propone e la Regione dispone supinamente. Commento inviato il 23-03-2017 alle 23:24 da Bene informato
  • Qualcuno deve pur tirare la volata politica dell'esimio Presidente Puksic a cui sta lavorando con tanto fervore ed un quantitavo industriale di tweet (altro che piano industriale di INSIEL di cui non gli importa nulla). L'importante è che i neo assunti laureati abbiano un contratto di apprendistato e siano costretti a girare in azienda con la maglietta gialla mentre il direttore generale sia senza laurea ma abbia dichiarato di aver frequento il Politecnico. Commento inviato il 23-03-2017 alle 23:15 da Anonimo
  • gli uffici regionale affermano che la laurea sia requisito fondamentale in una grossa società al 100% della Regione Fvg... a meno che non abbiano trovato un genio Commento inviato il 23-03-2017 alle 18:19 da Il Perbenista

Responsabilit� dell'utente

Ogni opinione espressa dai lettori attraverso i commenti agli articoli � unicamente quella del suo autore, che si assume ogni responsabilit� civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere "Il Perbenista" manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato. Tutti i contributi testuali, video, audio fotografici da parte di ogni autore/navigatore sono da considerarsi a titolo gratuito.
Lascia un commento Sei Umano?

Scrivici a:

perbenista@gmail.com
PUBBLICITÀ