il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
ESCLUSIVO: SCOPPIA SANITOPOLI FVG: TUTTI I NOMI

RENZIANA DOC CHIEDE DI ESSERE ASSUNTA NEL GRUPPO 5 STELLE

La domanda sorge spontanea: una clamorosa svista dei pentastellati regionali del Friuli Venezia Giulia oppure un'apertura del gruppo a Debora Serracchiani? Conoscendo la serietà e rigidità etica dei consiglieri regionali del M5S in Regione Fvg si tratterà certamente della prima opzione, ma la risposta ufficiale la sapremo fra qualche giorno. Gira voce negli ambienti industriali filo governativi della regione che Cristiana Della Zonca, figlia del compianto potente manager triestino Agostino, attuale responsabile relazione esterne del gruppo Eurotech di Roberto Siagri, stia per approdare come addetta di segreteria al gruppo regionale del Movimento 5 Stelle a Palazzo Oberdan. Così leggiamo nella scheda della multinazionale Eurotech: "Chi è: Laurea in Scienze Politiche Internazionali, 110/110 cum Laude , Master in Politiche Sociali, Scuola di Specializzazione post universitaria in Diritto del Lavoro, Membro dell'ordine nazionale dei giornalisti. Da sempre attiva nel settore della comunicazione e dei rapporti con la stampa, la mia carriera è sempre stata caratterizzata da un'estrema poliedricità. Inizialmente attiva nel campo della comunicazione pubblica, ho poi maturato significative esperienze ai più alti livelli sportivi, materia di cui sono appassionata per poi approdare , anche grazie agli studi svolti, al campo della comunicazione finanziaria. Ad oggi sono responsabile della Comunicazione Corporate di Eurotech SpA , società multinazionale la cui holding è quotata nel segmento STAR alla Borsa di Milano". Ma il vero caso, se la notizia dovesse essere confermata, starebbe nella sfrenata passione di Cristiana Della Zonca e dei suoi amici industriali, per Matteo Renzi. In un tweet del 5 dicembre 2016 (vedi foto e clicca sopra per ingrandirla), Della Zonca twitta a Matteo Renzi: "@matteorenzi Grazie per aver dato a questo Paese il miglior governo di cui abbia memoria e all'Italia una dignità troppo a lungo negata".