**
  • Home > Gossip > UDINE: PIAZZA XX SETTEMBRE A RISCHIO ELETTROSHOCK
  • stampa articolo

    UDINE: PIAZZA XX SETTEMBRE A RISCHIO ELETTROSHOCK

    21W

    Sono stati spesi 750mila euro nel 2010, per rifare il plateattico di Piazza XX Settembre; inizialmente dovevano essere 500mila, poi il costo è lievitato di 250mila euro per "poter rendere carrabile il rilevato". Eppure l'amministrazione comunale di Udine ha deciso di installare un quadro elettrico volante privo di qualsiasi copertura e, certamente, non rispondente alle stringenti normative di sicurezza (vedi foto), tanto più in un posto aperto al pubblico. Come è possibile che l'assessore ai lavori pubblici ed arredo urbano, Pierenrico Scalettaris (Pd), fra l'altro avvocato, non abbia preteso dal dirigente comunale Barbara Gentilini e dai suoi uffici tecnici una tempestiva messa a norma? Un quadro elettrico, fra l'altro, a diretto contatto con il suolo e pieno di lunghi fili elettrici volanti. Per quale ragione, essendo una situazione che va avanti da diverso tempo, nel pieno centro storico di Udine, pompieri e vigili urbani non sono mai intervenuti? Ancora una volta norme asfissianti per commercianti e cittadini mentre all'amministrazione pubblica tutto è permesso.

  • Commenti

  • E denunciare che puksic ha messo come direttore generale di Insiel uno che non è laureato? Per legge i dirigenti di una società regionale non dovrebbero essere laureati? La corte dei conti avrebbe da ridire? Anche perché i 15 che sono stati assunti con il contratto di apprendistato dovevano eccome essere laureati..... Commento inviato il 10-03-2017 alle 14:07 da Anonimo
  • Scusa Geraldo, la Lega? 1 consigliere. I 5S cosa fanno? e gli altri gruppi? E' giusto denunciare, bravo, ma denunciare e cadere nella faziosità non è una bella cosa dai. Commento inviato il 10-03-2017 alle 11:11 da Cjargnel cence Diu
  • I disastri della sinistra sono ovunque. La regione a guida Pd stà preparando la vendita agli amici degli amici del cuore di INSIEL: la sanità. La sanità è sostanzialmente la parte friulana di Insiel l'unica che ha un valore reale sul mercato. Questo consentirebbe di far entrare su questo mercato molti amici di sinistra del DITEDI di cui era presidente Puksich e lasciare a chi verrà dopo una società priva di valore.Una scatola vuota. In questi giorni i dipendenti della Sanità friulana stanno preparando i loro profili professionali per poter essere presentati ai possibili venditori.Tutto questo con il bene placido di Colautti che giorni fà aveva fatto una interrogazione contro a Insiel e il beato sonno degli incapaci della Lega.Ciò che resterà di Insiel, secondo questo piano, saranno gli iperraccomandati intoccabili mentre il resto sarà smantellato pezzo dopo pezzo. Ecco spiegata la presenza di Puksich, Presidente di un gruppo si imprese concorrenti di Insiel, alla guida della società. Un piano orchestrato dalla giunta di sinistra con il beneplacido di lobby di potere economico e politico. Commento inviato il 10-03-2017 alle 00:45 da Geraldo
  • Figurarsi, avevo in buona fede fatto esposto, archiviato per merito delll'ex asl prevenzione, e l'ispettorato del lavoro pensa solo al recupero contributi. In materia di sicurezza contate pure i morti e gli incidenti sul lavoro, siamo a livello III mondo Commento inviato il 09-03-2017 alle 20:25 da Giovanni
  • Spero che ispettorato del lavoro e ass facciano la loro parte e magari anche il nucleo operativo della Procura Commento inviato il 09-03-2017 alle 18:51 da anonimo
  • e' c'e' pure la trifase da 380 V. !!! Commento inviato il 09-03-2017 alle 18:31 da al di codroipo
  • Chiamate Terasso così ci fa uno special-one. Tanto ormai con poco ve lo portate a casa :-) Commento inviato il 09-03-2017 alle 18:26 da Arduin
  • Mamma mia da denuncia penale immediata...e se ci mette le mani un bambino? Commento inviato il 09-03-2017 alle 18:25 da Udinese per caso
  • posso attaccarci il mio cellulare per ricaricarlo ? Commento inviato il 09-03-2017 alle 18:03 da anonimo
  • ... gli udinesi hanno bisogno di una scossa per uscire dal loro torpore ... Commento inviato il 09-03-2017 alle 17:23 da fc

Responsabilit� dell'utente

Ogni opinione espressa dai lettori attraverso i commenti agli articoli � unicamente quella del suo autore, che si assume ogni responsabilit� civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere "Il Perbenista" manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato. Tutti i contributi testuali, video, audio fotografici da parte di ogni autore/navigatore sono da considerarsi a titolo gratuito.
Lascia un commento Sei Umano?

Scrivici a:

perbenista@gmail.com
PUBBLICITÀ