**
  • Home > Gossip > CASO POZZETTO: RIVOLTA NELL'ASSEMBLEA DI REDAZIONE
  • stampa articolo

    CASO POZZETTO: RIVOLTA NELL'ASSEMBLEA DI REDAZIONE

    767A

    Ormai il malcontento fra i giornalisti dell'Agenzia di stampa Regione Cronache ha raggiunto i massimi livelli. Si parla apertamente di mancanza di indipendenza e uguaglianza della stampa, di favoritismi e di "sfiducia verso la componente sindacale". Fatto assai grave perchè non parliamo solo dei diritti di alcuni lavoratori regionali, che comunque vanno difesi, ma anche di quelle che dovrebbero essere delle ulteriori garanzie tutelate dagli organi preposti della stessa stampa regionale e nazionale. Invece, tutto prosegue come se nulla fosse, anche perchè in questo caso l'editore è la governatrice Debora Serracchiani, consigliata, così dicono all'interno del cdr dell'Agenzia, dal suo portavoce Giancarlo Lancellotti (90mila euro annui). Attenzione però, perchè sempre autorevoli componenti dell'assemblea fanno notare che l'agenzia deve rispondere solo all'editore Serracchiani o al suo rappresentante, il direttore generale Franco Milan. Nessun altro ha titolo per metter bocca. Vi pubblichiamo qui di seguito una mail che abbiamo ricevuto, assieme ad altri colleghi, da alcuni componenti dell'assemblea di Redazione dell'Arc che evidenzia il clima di forte tensione interna:

    Da: Aaa <fabio.carini@regione.fvg.it>
    Data: venerdì 3 febbraio 2017 16:23
    A: Peter Verc <peter.verc@regione.fvg.it>
    Cc: Carlo Morandini <carlo.morandini@regione.fvg.it>, Lara Pironio <lara.pironio@regione.fvg.it>, Gregorio Giorgio <giorgio.gregorio@regione.fvg.it>, Dario Budach <dario.budach@regione.fvg.it>, Zipponi Diego <diego.zipponi@regione.fvg.it>, Riccobon Andrea <andrea.riccobon@regione.fvg.it>, Guido Galetto <guido.galetto@regione.fvg.it>, Liberti Antonio <antonio.liberti@regione.fvg.it>, Paolo Pichierri <paolo.pichierri@regione.fvg.it>, Giovanni Montenero <giovanni.montenero@regione.fvg.it>, Elisabetta Pozzetto <elisabetta.pozzetto@regione.fvg.it>, Pierpaolo Dobrilla <pierpaolo.dobrilla@regione.fvg.it>

    Oggetto: Re Dal Cdr: convocazione assemblea.

    Prendo atto che il conflitto di interessi personali e famigliari di una componente del Cdr che, peraltro, da quando è stata eletta ha ottenuto benefici solo per se stessa, viene considerato marginale quando la sua presenza nella componente sindacale è palesemente inopportuna. Vi auguro di utilizzare questa mia posizione per ottenere i riscontri auspicati dall'editore. A buon intenditor, poche parole...Alla luce di quanto esposto, comunque, ritengo totalmente delegittimato l'attuale Cdr che si pone nelle condizioni di essere politicamente manovrato e gestito. Di conseguenza, annuncio sin d'ora la mia assenza a qualsiasi ulteriore assemblea convocata dalla rappresentana sfiduciata. Buon lavoro. Fabio


  • Commenti

  • questo l'ho già letto e l'ho anche sentito dire da miei conoscenti. ma nessuno ha il coraggio di parlare con chi di dovere.... questi due continuano ad usare gli enti pubblici solo come occasione per fare i loro interessi....e lo hanno già fatto in passato per molti anni nella vecchia comunità montana. e dovresti vedere quello che fa nel suo comune. Affida direttamente alla ditta del figlio lavori di manutenzione con gare fasulle e pilotate, gira sempre con la macchina del comune anche per andare a fare la spesa.... E i concittadini tacciono! Commento inviato il 06-02-2017 alle 16:08 da ravasclet
  • Al Ciargnel di Darte voglio dire che l'UTI della Carnia non decolla perché nell'ufficio di presidenza siede anche una persona indegna, alla quale preme solo gli interessi privati della sua azienda o quelli del suo amico sindaco! Tutto il loro impegno si concentra sulla gestione del bosco: questo è il vero affare al quale aspirano i "due compagni di merende".... Commento inviato il 06-02-2017 alle 16:00 da osservatore attento
  • Evidentemente Carnia Welcome gode di una particolare attenzione da parte della Presidente. Peccato che tutta l'attenzione per la Carnia della Presidente con delega alla montagna si ferma su quella persona, nemmeno sull'istituzione Carnia Welcome. E il PD della Carnia, se esiste, cosa dice? Nulla. La Carnia è allo sfascio, l'UTI non decolla causa ostruzionismo sindaci PD, in primis quelli della nostra valle, il turismo stagna, il bosco avanza e i fiumi si riempiono di ghiaia. Le aziende se ne vanno e gli assessori aspettano gli industriali a Trieste invece di muoversi sul territorio. A casa tutti. Votiamo compatti M5s, almeno proviamo a cambiare. Commento inviato il 05-02-2017 alle 19:21 da Cjargnel di Darte
  • "Agenzia di stampa Regione Cronache" ! Ma che fanno questi qua tutto il giorno? 'na ventina di "giornalisti" per scrivere 4 ca%%ate? Commento inviato il 05-02-2017 alle 17:31 da al di codroipo
  • ho sentito anch'io che i passivi di carnia welcome vengono "sistemati" dall'amministrazione regionale. e adesso sono proprio consistenti.....soprattutto con gli albergatori di arta ancora dal passaggio del giro d'italia!!!!! ma come fa massimo peresson a farsi vedere ancora in giro? faccia di bronzo!!!! Commento inviato il 05-02-2017 alle 16:48 da cjargnele
  • Carlo Morandini lavora ancora in regione? Si vede sempre a Lignano.... Commento inviato il 05-02-2017 alle 14:36 da Anonimo
  • Carini assunto da Dressi in regione senza concorso per meriti politici come militante della destra triestina esempio di giornalista indipendente dall' editore lavorava direttamente nella sua segreteria. Nel 2008 il centrodestra appena vinte le lezioni dopo pochi giorni lo ha promosso da redattore ordinario a vicecaporedattore con tre salti e scavalcando almeno quattro-cinque colleghi più anziani o più avanti in gerarchia. Pochi mesi e Tondo lo allontana dalla presidenza e lui fa causa a chi lo aveva promosso. Adesso fa la guerra alla Serracchiani pensando che se vince il centrodestra lui diventa direttore dell' ufficio stampa. Tutto qui... Commento inviato il 05-02-2017 alle 14:32 da Anonimo
  • Di cosa ci lamentiamo? Anche i debiti di Carnia Welcome vengono appianati ogni anno dalla Serracchiani. Tanto tutto rimane in famiglia. Commento inviato il 05-02-2017 alle 14:17 da Cjargnel
  • Tirate fuori le foto e le carte dei viaggi di Carini con Dressi... Commento inviato il 05-02-2017 alle 09:46 da Anonimo
  • Pozzetto a casa subito come pure Serracchiani e Milan per essersi inginocchiati al volere di Bertossi Commento inviato il 04-02-2017 alle 21:27 da Anonimo
  • Coa cosa!!!??? Questo Carini è dipendente della regione e pre soldi dalla regione come presidente della Bavisela? State scrzando vero? Commento inviato il 04-02-2017 alle 20:05 da Anonimo
  • CONSIGLIERI REGIONALI FRIULANI VIGILATE CHE DALLE CASSE DELLA REGIONE NON ESCA NEMMENO UN EURO PER RIPIANARE I DEBITI DELLA TRIESTINA BAVISELA. CUMO' VONDE! (ANSA) - TRIESTE, 30 NOV - L'Asd Bavisela di Trieste ha ricevuto ieri dall'Agenzia delle Entrate del capoluogo giuliano un avviso di accertamento relativo all'anno 2007 con sanzioni, imposte, spese e interessi per un totale di 219.000 euro che - rende noto il presidente della Bavisela, Fabio Carini - porta al blocco temporaneo dell'attività dell'associazione. La Bavisela, in una nota, spiega che l'accertamento riguarda "controlli inerenti imposta sul reddito delle società, imposta regionale sulle attività produttive e imposta sul valore aggiunto" e che l'Agenzia ha citato gli amministratori dell'epoca, Enrico Benedetti e Franco Bandelli, come co-obbligati in solido in quanto presidente e rappresentante legale pro tempore e rappresentante legale, negoziale o di fatto di Asd Bavisela nell'anno di imposta 2007. Carini rende noto che convocherà quanto prima l'assemblea dei soci per valutare la situazione ed assumere le conseguenti decisioni. Commento inviato il 04-02-2017 alle 19:38 da CUMO' VONDE
  • PERBENISTA Home > Gossip > ADDETTO STAMPA DELLA REG3:53:21 AM stampa articolo ADDETTO STAMPA DELLA REGIONE SFIDUCIA LA SERRACCHIANI Incredibile ma vero. Venerdì 10 giugno alle ore 21:34 (vedi foto) edattore dell'Arc, invia un tweet al collega Ferdinando Avarino di Telequattro, in cui scrive testualmente: "#carinisindaco 1 luglio riprendo mio lavoro da giornalista in Regione. E' Serracchiani che deve andarsene, non ididatosi sindaco a Trieste e oggi a sostegno di Roberto Dipiazza, potrebbe aver trattato un posto come addetto stampa in Municipio in caittoria del centrodestra. Commento inviato il 04-02-2017 alle 19:33 da Anonimo
  • Questo Carini è quel triestino di destra promosso nel 2008 con un salto di tre o quattro gradini nella carriera solo per meriti politici scavalcando i colleghi più anziani? Praticamente quello che ha detto che è la Serracchiani che se ne deve andare, alla faccia dell' autonomia dell' agenzia dove gli pagano lo stipendio? E magari lo stesso che presiede la Bavisela, piena di debiti col fisco, ampiamente finanziata dalla regione pur essendo lui un dipendente regionale? Chissà se con il nuovo decreto Madia queste cose finiranno.... Vergogna! Commento inviato il 04-02-2017 alle 19:30 da Friuli libero

Responsabilit� dell'utente

Ogni opinione espressa dai lettori attraverso i commenti agli articoli � unicamente quella del suo autore, che si assume ogni responsabilit� civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere "Il Perbenista" manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato. Tutti i contributi testuali, video, audio fotografici da parte di ogni autore/navigatore sono da considerarsi a titolo gratuito.
Lascia un commento Sei Umano?

Scrivici a:

perbenista@gmail.com
PUBBLICITÀ