il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
DUBBI SUI CONTROLLI DEL DIRETTORE DI DISTRETTO UDINESE CANCIANI

PD: SERRACCHIANI SI CONTI AL SENATO

Troppo facile scappare dalla Regione Fvg prima della fine del mandato lasciando le castagne bollenti a Sergio Bolzonello e ai suoi antagonisti interni. Il Pd del Friuli Venezia Giulia, per una volta è concorde all'unanimità, anche se non è da tutti esporsi apertamente. Qualora si dovesse andare anticipatamente alle urne per le politiche e Debora Serracchiani (vedi foto) volesse andare in Parlamento le condizioni potrebbero essere le seguenti: punto primo, il candidato governatore del centrosinistra non sarà scelto da colei che abdica, finita terz'ultima nella classifica dei governatori, bensì tramite regolari primarie; punto secondo, è qui sta la vera provocazione, Debora Serracchiani non dovrà essere capolista blindata alla Camera ma dovrà contarsi e fungere da traino al Senato, dove il collegio è unico e nessun posto è garantito senza voti. Che ragione potrebbe mai avere a temere questa sfida, una governatrice uscente, vicesegretaria nazionale del Pd? La risposta è semplice: qualora non dovesse risultare la più votata vedrebbe tramontare le sue già labili speranze di ottenere un posto di governo o sottogoverno.