il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
VIDEOTELEBLOG - IL NUOVO CANALE YOUTUBE DEDICATO ALLE INCHIESTE

SCOCCIMARRO: SE SALTA BARITUSSIO SALTA LA FUCINA FVG

Mancano pochi mesi alle amministrative di primavera e Tarvisio si vede esplodere una grana tutta interna al centrodestra. Se da una parte, dopo due mandati di Renato Carlantoni (vedi foto), la maggioranza appare salda ed in salute, dall'altra il ritorno in pista dell'ex primo cittadino e consigliere regionale Franco Baritussio (vedi foto) nella fila di Fratelli di Italia sembra complicare il quadro. "Fino a pochi mesi fa Franco Baritussio lavorava ad una serie di civiche con esponenti vicini anche al centrosinistra" - è l'accusa che Forza Itaia e Lega Nord muovono all'attuale esponente di Fratelli di Italia. "Noi nel frattempo abbiamo lavorato e trovato l'accordo su un candidato unitario nella persona del vice sindaco azzurro Renzo Zanette. Oggi se Fratelli di Italia, che ha da poco costituito un suo circolo tarvisiano, si vuole unire a noi ben venga, ma non pensi di imporre nulla all'ultimo minuto". Da parte dei Padani qualche segnale di preoccupazione arriva invece sulla tenuta del partito di Berlusconi che potrebbe perdere pezzi in direzione dell'ex azzurro Franco Fontana che ha già chiuso l'accordo con il Pd di Enrico Toniutti, Erbert Rosenwirth e Luciano Baraldo, in vista di un possibile Partito della Nazione. Franco Baritussio, evita qualsiasi polemica con i possibili alleati, salvo dire che da parte di Fratelli di Italia esiste fin dall'inizio la volontà di correre all'interno della coalizione come si è fatto a Trieste e Pordenone; ciò detto se Forza Italia e Lega Nord a Tarvisio continueranno a tenere la porta chiusa e a non voler dialogare, Fratelli di Italia come ipotesi estrema potrebbe anche correre da sola. I veti nei loro confronti, anche se Baritussio non lo dice esplicitamente, parrebbero arrivare più che dalla Lega Nord da Forza Italia locale. Chi invece, da buon leader, va giù duro e rivendica la candidatura del sindaco di Tarvisio, "senza se  e senza ma", per Baritussio è il coordinatore regionale di Fratelli di Italia, Fabio Scoccimarro. Scoccimarro spiega che anche se Fdi al momento è la gamba più sottile del tavolo senza di lei il tavolo del centrodestra non regge. "Baritussio è una candidatura autorevole ed è l'unica che stiamo rivendicando; se gli alleati non vorranno, vorrà dire che spiegherò agli amici Fedriga e Savino che la Fucina è a serio rischio su tutto il territorio regionale con tutte le conseguenze che ne potranno derivare". A questo punto la candidatura a governatore di Riccardo Riccardi potrebbe essere nella mani del sindaco uscente di Tarvisio Renato Carlantoni.